Fuoristrada

Qualificazioni Mondiali Speedway. Covatti cerca l’impresa

Sabato 3 settembre, con inizio alle ore 17, Nicolas Covatti sarà al via nel Gp Challenge di Vetlanda, in Svezia, a caccia di uno dei tre posti che assicurano la presenza in pianta stabile nei Grand Prix di Speedway del 2017. Il compito che attende il campione italiano in carica è quantomai arduo, ma Nicolas ci ha abituato negli ultimi anni a prestazioni incredibili, non ultima quella della finale europea a coppie che lo ha visto assoluto protagonista dello storico trionfo azzurro.

L’Italia della derapata sarà a fare il tifo per Covatti, che potrebbe riportare un pilota italiano nel circuito mondiale dopo ben 18 anni; l’ultimo è stato Armando Castagna che ha corso dal 1995 al 1998 nella serie iridata.

Ad Armando, coordinatore nazionale dello speedway e flat track, abbiamo chiesto una sua opinione sulla gara che dovrà affrontare Covatti, in una pista per lui nuova e contro avversari di primordine: “Penso che Nico in questo periodo sia in una condizione di forma splendida e lui sa bene che deve saper usare al meglio questo punto positivo e saperne approfittare, ha delle moto eccellenti che possono stare al passo con i top riders presenti al Challenge e di conseguenza ha tutte le possibilità per salire sul podio. Il punto negativo potrebbe forse essere la mancata conoscenza della pista, visto che non ha mai corso a Vetlanda, ma a volte questo punto si può trasformare in positivo se nella giornata di gara magari il fondo non è nelle normali condizioni per diverse e possibili motivazioni. Speriamo che psicologicamente riesca a controllare lo stress che questo tipo di gara porta, il fatto che si deve per forza arrivare nei primi tre posti per poter accedere ai Grand Prix mette il pilota talmente sotto pressione che solo in pochi riescono a gestirla, speriamo lui sia uno di quelli.”
La starting list è da brividi: ben cinque i polacchi al via tra cui i campioni under 21 Dudek (nel 2014)  e Piotr Pawlicki (nel 2015) e l’esperto Kasprzak; sono loro i favoriti della vigilia, assieme al campione europeo 2013 Martin Vaculik e allo svedese Lindgren, pilota dei Gp 2016.