Velocità

Motocicliste – I risultati del Campionato Italiano (2^ Prova) ed Europeo (1^ Prova)

La stagione agonistica femminile 2008 si mette alle spalle un weekend intensissimo, denso di emozioni dal sapore forte. Il celebre circuito romagnolo ha ospitato un doppio appuntamento di motociclismo femminile: la seconda tappa del Campionato Italiano Motocicliste e la prima gara dell’European Women’s Championship.


 


 


35 pilote scalpitavano sotto la minaccia di pioggia, il meteo infatti è stato imprevedibile durante tutto il fine settimana, tra piovaschi improvvisi e deboli raggi di sole.


Già il sabato alle prove ufficiali le pilote si sono lanciate subito in performance di alto livello, segnando tempi mozzafiato, con la tedesca Nina Prinz, campionessa europea in carica, che ha riconfermato subito la sua leadership con uno strepitoso 1.42.0, record femminile della pista, e anche miglior tempo di tutto il week end di gara, in cui prendevano il via circa 300 piloti.


 


Durante il primo turno di qualifiche un brutto incidente per Cristiana Toria: in sella al suo Tornado 900, veniva sorpassata alla Misano 1 da Mary Zanella che, chiudendo la curva troppo presto, per restare dentro entrava in contatto con la Benelli, provocandone la caduta. Cristiana, a cui vanno i saluti e gli auguri di tutto il Motoclub e del paddock, è attualmente ricoverata all’ospedale di Riccione con tre fratture al bacino.


Due pilote non qualificate al termine dei turni di prove, le russe Nataliya Lyubimova e Nadezhda Yakhnich al loro primissimo debutto nel campionato e sul circuito romagnolo: non deve essere stato facile per loro prendere in un solo week end le misure di una pista così tecnica ma già nota alle altre pilote, e vanno a loro dunque molti complimenti per essere già vicine al nutrito gruppo di motocicliste che hanno dato spettacolo questo weekend.


 


La griglia di partenza ha visto nella Superstock 1000 una prima fila con Nina Prinz in pole position e livrea bianco-azzurra del team ufficiale Yamaha Germania, seguita da Paola Cazzola anche quest’anno in sella alla Yamaha (team Piellemoto), terza Letizia Marchetti (team Red Rabbit) che partiva dalla seconda fila, quarta Romana Fede (team Babelgum by RG) in terza fila, quinta l’inglese Susie Grayson (team Feisty Racing) in quarta fila.


 


Per la Superstock 600 invece prima fila per l’olandese Iris Ten Katen (Duntep Racing Team) sempre fedelissima alla sua Honda CBR 600 RR e la ceca Marketa Janacova (Team Suzuki Mayer), seconda fila per l’italiana Alessia Polita, quest’anno tornata a competere nella categoria 600 con il team C.P. Racing, Eliana Pezzilli (anche lei riconfermata quest’anno dal team Piellemoto) e la slovena Tina Katrasnik (team Amd Kranj), e poi subito alle spalle altre tre italiane: Manuela La Licata (team Vasar), Manuela Bocchino (team Motobaleani), Cristina Peluso (team Vueffe).


 


Spente le luci del semaforo rosso, Nina Prinz prende subito il via staccando la Cazzola la quale a sua volta lascia una buona distanza tra sé e la Ten Katen nella 600. Dietro il gruppetto formato da Alessia Polita, Marketa Janacova (già rivali in passato nell’europeo Suzuki), Letizia Marchetti e Tina Katrasnik resta invece compatto, regalando per tutta la gara sorpassi emozionanti e sorprese fino alla bandiera a scacchi, quando la ceca Janacova, dietro alla Polita, supera la slovena Katrasnik, conquistando così il secondo gradino del podio europeo. Gara esplosiva per Letizia Marchetti con un doppio secondo posto in classifica su entrambi i campionati, che dimostra con questo risultato l’ottimo feeling instaurato con il suo nuovo team. Gara superba come sempre per Alessia Polita, salita in questo secondo appuntamento di stagione sul gradino più alto del podio italiano; la pilota iesina quest’anno ha deciso di prendere parte solo al campionato “in casa” per non mettere in pericolo il tanto agognato titolo. Podio anche per Romana Fede terza nella classifica dell’italiano, mentre nella 600 prende altri 20 punti anche Eliana Pezzilli. Duello avvincente subito dietro tra Sharon Mermet (Ninja 600), Nikolett Kovacs (con esperienza di gara nel mondiale 125) e Manuela Bocchino (prima nel Trofeo Esordienti del 2007) che hanno combattuto con un alternarsi di posizioni fino all’ultimo giro quando la pilota Kawasaki riesce con un ultimo sorpasso a conquistare l’agognato terzo gradino del podio dell’italiano.


Gara eccellente per Susie Grayson, la simpaticissima inglese dai capelli rosa, il colore del team, che si è aggiudicata il terzo posto dell’europeo subito dietro Prinz e la Marchetti nella categoria 1000; altrettanto brava la diciottenne Tina Katrasnik, anche lei sul terzo gradino dell’europeo classe 600.


Tra le esordienti dell’italiano, conferma l’ottima prestazione della prima gara di Vallelunga Elisabet Zanini del team Red Rabbit e Alessia Falzoni, terza Marta Castelli. Scivolata fortunatamente senza conseguenze per Mary Zanella.


Grande festa alla premiazione con tante pilote e nazioni ad affollare il podio.


 


Prossimo appuntamento il 15 giugno ad Assen, in Olanda per la seconda tappa dell’European Women’s Championship, mentre il 20 luglio a Magione per la terza gara del Campionato Italiano.