Fuoristrada

MiniEnduro – Gara 2 firmata da Croci e Schito

Domenica 06 aprile Monticello d’Alba ha proclamato i vincitori della 2^ prova tricolore. A conquistare il gradino più alto Croci tra gli Aspiranti ed il solito Schito tra gli Esordienti. Vittoria anche per Arnoldi, Favari e Macoritto.


 


Difficile trovare un neo alla splendida giornata che domenica 06 aprile ha fatto da cornice a questo secondo appuntamento del tricolore “under 14” e che ha visto al via ben 106 piloti “formato Mini”. Un successo firmato Moto club 100 Torri Alba coadiuvato dal presidente Aldo Porro ed il segretario Vanni Guiducci che hanno dato vita ad un’organizzazione inappuntabile curando tutto nel minimo dettaglio, a detta del tecnico federale Alessandro Comotti, “accuratezza didattica”, basta considerare che per i piloti ed accompagnatori era disponibile una planimetria di tutto il percorso con evidenziati i punti critici e riportati i numeri di telefono del personale impegnato in quel settore. Impeccabile e funzionale la logistica grazie all’accessibilità concessa da LeoVince (ditta produttrice di sistemi di scarico per moto e quad) che ha messo a disposizione il parcheggio asfaltato come Paddock ed il campo cross che la stimata azienda usa per testare i prodotti, adibito eccezionalmente a Cross-Test nel quale gli agguerriti riders si sono cimentati per tutti i sei giri in salti spettacolari, fronteggiando l’area tronchi con lodevole abilità.


Facilmente raggiungibile anche la Enduro-Test ricavata nel bosco adiacente con una salita particolarmente tecnica che ha messo a dura prova la guida e la stabilità dei giovanissimi scrutati dagli uomini del 100 Torri Alba e pronti ad intervenire in soccorso, somiglianti a guardie del corpo visto la cospicua presenza anche lungo il  percorso, particolareggiato da alcuni tratti in contro-pendenza, con il tratto più impegnativo saggiamente risparmiato ai piccoli della classe Baby Sprint.


In prima linea anche 2 uomini “storici” dell’enduro piemontese, Bruno Barbero in veste di direttore di gara e Mario Ferrero in rappresentanza del Co.Re Piemonte che non si sono certo risparmiati a picchettare ed elargire la loro esperienza al servizio del club e dei ragazzi. Decisamente un piacevole esempio di sport quello ammirato in territorio cuneense, con gli organizzatori stregati dall’atmosfera che l’allegra e colorata carovana del MiniEnduro sembra ogni volta depositare nel comune ospitante.


 


A conferma, dopo questa prova tricolore il 02 giugno si tornerà infatti a parlare di MiniEnduro con la S.A.E. (Scuola Avviamento Enduro). che farà tappa, grazie alla passione ed alla volontà degli uomini del 100 Torri Alba, a Monticello d’Alba visto l’incredibile successo registrato lo scorso anno. Un altro moto club sedotto dal “mondo in Miniatura”.


 


Tanti quindi i meriti elargiti ieri, ma i più sinceri vanno sicuramente ai protagonisti di questa seconda tappa di Campionato che si sono contraddistinti nelle rispettive classi come Simone Croci nell’Aspiranti (’96-’94) risultato il più veloce di giornata bloccando il cronometro a 16 minuti e 20 secondi, Jacopo Schito nella Esordienti (’98-’97) ma anche Marco Arnoldi nella 50 Cadetti, Marco Favari nella Open e Lorenzo Macoritto nella Baby, classi che non attribuiscono titolo finale, ma atte per dare la possibilità ai ragazzi di correre e far esperienza con le due ruote.


 


ASPIRANTI: Gioie e Dolori. Gioia per il figlio del campione Dario Croci. Simone in sella alla sua Beta 50 è riuscito a “metterli tutti in Croce”, vincendo ben 9 speciali su 10 oltre a firmare la classe si è dimostrato il più veloce in assoluto tra gli oltre 100 piloti al via. Dolori invece per il detentore del titolo Nicolas Pellegrinelli nonchè vincitore della tappa inaugurale a Guastalla, abbandonato poco dopo il via dalla sua HM. Ritiro che lo vede precipitare in 4^ piazza in campionato guidato ora dal portacolori del moto club Hornets. Alle spalle di Croci si piazza un ottimo Edoardo Lazzarini (Sherco). Ancora un bronzo di giornata per Nicholas Trainini (Fantic).


ESORDIENTI: non ha mancato l’appuntamento con la vittoria neppure questa volta il talentuoso pugliese “trasferito” al moto club Treviglio Jacopo Andrea Schito (KTM) in grado di infliggere il solito strapotere ai suoi inseguitori, in questo caso un incredibile Andrea Manarin (KTM) che riesca a spuntarla su Alessio Croci (KTM).


OPEN (anni dal ’98 al ’94- cilindrata fino a 85 2t – fino a 150 4t) con Nicola Recchia impegnato sul crossdromo di Montevarchi per l’italiano Minicross e l’assenza per infortunio di Davide Beggio, la strada per Marco Favari (KTM) è decisamente spianata anche se la spunta per soli tre miseri secondi sul compagno di club Jonathan Marchesi (KTM). A chiudere il podio interamente firmato moto club Val Luretta, ancora una volta Luca Castellana (Honda).


50 CADETTI (anni ‘92-’93 – cilindrata fino a 50 cc): cavalcata trionfale per Marco Arnoldi che porta la sua Beta 50 sul gradino più alto del podio infliggendo un gap abissale a Giovanni Ghezza (HM), mentre Francesco Marchiaro (HM) deve accontentarsi del terzo posto.


BABY SPRINT (anni ‘00-’99): secondo centro consecutivo per il Lorenzo Macoritto (KTM), mentre a Simone Peverata (HM) non è rimasto che chinare la testa alla velocità del friulano ed “accontentarsi” della piazza d’onore. Terzo posto per il terzo talento della Famiglia Facchetti, il piccolo Gianluca (HM) alla prima prova nazionale quest’anno perché da poco compiuti gli otto anni, età minima regolamentare per gareggiare.


 


Grande battaglia anche nella classifica riservata alle squadre, la vittoria questa volta va alla formazione targata Hornets che pareggia e si piazza a pari merito in campionato con il campione in carica il moto club Treviglio.