Fuoristrada

Flat Track – Nuova disciplina motociclistica della FMI

Il Flat Track o Dirt Track è una disciplina motociclistica molto spettacolare che si corre su circuiti ovali in terra battuta, percorsi in senso anti orario. La terminologia “Dirt Track”, nasce dal fatto che un tempo le piste venivano cosparse di carbone, utilizzato come legante, da qui lo sporco, il Dirt, mentre l’attuale e più corretta terminologia è Flat Track, ovvero circuito piatto, senza particolari dislivelli. I circuiti ideali, sono di 4 tipologie diverse: lo short track, ovvero un ovale dallo sviluppo fino a 400 metri di lunghezza; l’Half Mile, un ovale fino ad 800 metri di lunghezza ed il Mile, il classico miglio, di 1600 metri di sviluppo, dove si raggiungono anche velocità di punta di 200/220 km orari con motocicli prevalentemente bicilindrici.

L’Harley Davidson XR750 l’ha sempre fatta da padrona sul miglio, fino allo scorso anno, quando Joe Kopp con la Ducati, ha inanelato una interminabile serie di successi con il bicilindrico di Milwakee. Oltre a Kopp con la Ducati, anche Bryan Smith con la Kawasaki ha vinto nello scorso anno diverse gare in America. Il tracciato più particolare è quello denominato TT, costituito da un ovale, all’interno del quale viene allestito anche un salto e su questo tracciato è consentito l’utilizzo del freno anteriore, mentre per gli altri tracciati è vietato ed è presente solo il freno posteriore. Molto simile allo speedway per il gesto atletico, e con il quale ne condivide i circuiti, il Flat Track è caratterizzato dall’utilizzo di moto meno estreme e, per certi aspetti, derivate dalla serie, che per il corretto utilizzo, vengono ribassate diminuendo la corsa delle sospensioni e vengono equipaggiate con ruote da 19 pollici, sia anteriore che posteriore, munite di gomme con tassello di 6 mm di profondità massima, ed a seconda dei circuiti, vengono utilizzate moto monocilindriche o bicilindriche, quasi sempre di 450 cc. di cilindrata.

La patria indiscussa della disciplina, sono gli Stati Uniti, dove grandissimi nomi del motociclismo di ieri e di oggi, si sono cimentati fin da giovanissimi nei circuiti di tutto il paese. da Spencer a Mamola, Schwantz, Raney, ma anche tutta la famiglia Hayden e tanti altri grandi campioni, hanno calcato questi circuiti, sorretti in America da più Federazioni che ne promuovono lo sviluppo. A seguire troviamo l’Australia, dove Kasey Stoner ha vinto più di un campionato, il Canada (spesso visto come allenamento invernale per gli statunitensi) e da qualche anno anche l’Europa. Soprattutto l’Inghilterra, dove esiste un campionato ben organizzato dal 2004, ed esiste anche la International Mefo Cup, che spazia in varie regioni europee e che annovera tra i partecipanti, i migliori piloti della specialità, quali inglesi, olandesi, tedeschi, italiani, svizzeri e cechi.

Oggi in Italia, con la gestione diretta del Comitato Speedway, responsabile della disciplina per conto della Federazione Motociclistica Italiana, qualcosa si sta muovendo e da un primo piccolo Trofeo FMI del 2010 strutturato su 3 prove e disputato sulle piste da Speedway, il 2011 avrà un trofeo flat track, strutturato in diverse prove ed un grande appuntamento internazionale, sabato 21 maggio prossimo sulla pista S. Marina del Moto Club Lonigo (VI), con la partecipazione di piloti provenienti da tutto il mondo. Il Flat Track è dunque in pieno sviluppo e le sue caratteristiche principali di altissima spettacolarità ed economicità, lo rendono una disciplina molto appetibile sia da nuovi appassionati, sia da amanti di altre discipline motociclistiche. Tutte le informazioni necessarie, si possono avere dal responsabile nazionale Marco Belli al seguente indirizzo mail: marco@marcobelli.net

“Trofeo F.I.M. di Flat Track”. Lonigo (Vicenza) pista S. Marina.
Sabato 21 maggio 2011.  Prove libere e qualifiche dalle ore 15,00, inizio gara ore 21,00