Fuoristrada

Enduro Major: rush finale in Calabria



 


 


Cinque titoli di classe e tricolori a Squadre e Team ancora da assegnare. Un grande spettacolo attende l’ultima gara di campionato in programma domenica 16 settembre nella suggestiva località costiera di Cittadella del Capo (CS).


 


Ultimi verdetti per i Major. Domenica 16 settembre si chiude la stagione riservata agli “over 33”, quando all’appello, dopo quattro affascinanti ed avvicenti prove di campionato, manca ancora l’assegnazione di sette titoli: cinque di classe (Expert 3, Master 2 e 3, Veteran e SuperVeteran), quello riservato alle Squadre con il moto club Gaerne innanzi al campione in carica Sebino e quello dei Team Indipendenti in bilico tra il Cross Racing Team ed il Team U.V.E., detentore del titolo.


 


Si prospetta quindi un vero show fatto di belle rivalità sportive e battaglie al fotofinish che coincidono con il debutto nel panorama nazionale del moto club Cittadella Racing che dopo diverse manifestazioni regionali ha ponderato la prospettiva di accrescere il proprio palmares e portare negli sceneri paeasaggistici cosentini un campionato italiano. Ad accogliere la fragorosa e colorata carovana dell’enduro spetta quindi a Cittadella del Capo (o detta Lido di Bonifati), frazione marittima del comune di Bonifati diventata negli ultimi anni una delle località più ammirate della Riviera dei Cedri con il suo suggestivo Lungomare che ben si presta ad ospitare il paddock e l’area partenza già in fermento per la manifestazione che aprirà le danze già da venerdì 14 con una serata di cabaret impreziosita dalla degustazione di prodotti tipici a base di peperoncino e cedro. Una sorta di antipasto questo incluso in un ricco e stuzzicante programma architettato dal presidente Antonio Grosso ed i suoi uomini per rendere indimenticabile l’unico evento motoristico nazionale accolto dalla regione Calabria. Sabato 15 oltre alle consuete operazioni preliminari (dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 17.00) è prevista alle ore 18.00 presso l’”Albergo Palazzo del Capo” (che domenica ospiterà anche le premiazioni) la conferenza stampa di presentazione seguita da una serata sul lungomare di Cittadella dedicata ai motori con Trial acrobatico e una sfilata di Auto e Moto d’Epoca. Infine domenica sera come ciliegina sulla torta, un congedo speciale dedicato al circus dell’enduro con una simpatica band musicale. Precisiamo inoltre che per l’intera durata della manifestazione in collaborazione con la regione Calabria e la Provincia di Cosenza sarà allestito un “Villaggio Espositivo” con stand dedicati ad auto e moto ma anche ai prodotti tipici calabresi quali fichi, cedri, salumi, liquirizia e peperoncino.


Veramente ricca la cornice che attende i 150 piloti ed altrettanto allettante si enuncia la gara, con un percorso che verrà ripetuto 3 volte per un totale di 165 km., articolato fra i comprensori paesaggistici dei Monti della Costiera dove i piloti si spingeranno addirittura a quota 1.037 metri,  caratterizzato da un primo settore unicamente “di trasferimento”. Solo dopo il Controllo Orario ospitato in località San Gineto i concorrenti potranno sfidarsi nella prima speciale, un Enduro-test (3.9 Km.) che scatterà da un fiume in secca per andare a concludersi su strade battute. Dopo 15 km. a Campo del Monaco si imbatteranno prima di giungere al Paddock, il Cross-Test disteso su un terreno duro e secco interamente in contropendenza che permetterà al pubblico di scrutare i piloti in azione.


 


Potranno dormire sonni tranquilli e godersi la permanenza nei territori cosentini i piloti che già nella precedente quarta prova di Attiggio (AN) lo scorso 08 luglio sono riusciti ad intascarsi il titolo. E’ il caso di Fabrizio Hriaz (Hm-Ent) nella Expert2 e Pierluigi Surini (HM-Honda) giunti in Calabria per apportare punti preziosi alle rispettive squadre. Situazione alquanto insolita per la punta di diamante del mc. Gaerne Marco Feltracco (Husqvarna) diviso a metà fra festeggiamenti per l’assoluta vinta in anticipo e la corsa al titolo di classe (Master3) contesa con il campione in carica Andrea Prataiola (Hm TRS). Hanno invece abdicato la lunga trasferta gli altri campioni della Elite Giuseppe Gallino (Hm-Honda GV) e della Expert 1 Franco Rossi (KTM). Tutto da vedere invece per le restanti classi. Nella Expert3 solo 4 punti dividono due titani della specialità come Osvaldo Armanni (Hm-Honda) ed il detentore del titolo Alessandro Bottazzi (HM TRS), mentre nella Master 2 è sufficiente un comodo quarto posto ad Andrea Cabass (Hm Ent) per festeggiare il primo titolo da pilota major, ai danni del toscano Riccardo Giannettoni (Suzuki Valenti). E’ lotta accesa anche tra i senatori dell’enduro nazionale. Nella Veteran è il campionissimo orobico Angelo Signorelli (GasGas) a guidare con un gap limitato a sette punti su Mauro Uslenghi (Hm-Honda) e 10 sul campione in carica Remo Fattori (TM ), mentre nella SuperVeteran, un solo punto la potrebbe essere sufficiente a Gualtiero Brissoni (Aprilia) per incrementare il suo corposo palmares con l’ennesimo tricolore.