Fuoristrada

Domenica si decide il Campionato Italiano Motorally 2008

Ultima gara per il Campionato Italiano Motorally che vede in pista il Moto Club Acerboli coadiuvato dai Moto Club Baracca Lugo e Montefeltro. Santarcangelo di Romagna è pronta a ospitare gli oltre centocinquanta piloti al via della gara che deciderà i titoli italiani 2008.


 


Mancano pochi giorni all’ultima prova del Campionato Italiano Motorally, l’epilogo che vedrà l’assegnazione dei titoli italiani 2008, in programma domenica 7 settembre. La gara è organizzata dal Moto Club Acerboli di Santarcangelo di Romagna, che per l’occasione si avvarrà della collaborazione dei Moto Club Baracca Lugo e Montefeltro. Sodalizio di grande esperienza nel settore dei Rally, il Moto Club Acerboli ritorna dopo una pausa di molti anni ad impegnarsi nel Campionato Italiano e intende farlo nel migliore dei modi.


 


Innanzitutto proponendo un percorso di ben 223 chilometri, sulla carta molto tecnico se si escludono i tratti iniziale e finale per uscire e rientrare a Santarcangelo di Romagna. Ma soprattutto si è puntato molto sulle prove speciali in linea, la prima di 17,2 chilometri, la seconda di ben 36,6 chilometri, forse la più lunga nella storia del Campionato Motorally.


 


Il paddock della manifestazione sarà allestito nell’area Campana, in via Santarcangiolese ed inizierà ad animarsi dal sabato mattina. Nella stessa giornata, dalle 14 alle 18, sono previste le verifiche amministrative e tecniche, cui farà seguito, alle 19, il briefing presso il Teatro Supercinema. In questa occasione sarà anche presentata dagli organizzatori olandesi la Heroes Legend, gara di regolarità che parte da Parigi e arriva a Dakar, in programma nel marzo 2009.


 


Il primo pilota partirà domenica mattina alle 8, mentre le premiazioni alle 18 concluderanno la manifestazione. Molta attesa c’è per il duello tra Matteo Graziani, il campione uscente, ed Andrea Mancini, da ormai due stagioni rivale per eccellenza del campionissimo forlivese. Il pilota perugino dell’Husqvarna è in testa alla classifica generale con 106 punti, contro i 96 del pilota della KTM. Praticamente si ripropone la situazione del 2007, risolta lo scorso anno in maniera rocambolesca a favore di Graziani. Ma Mancini quest’anno, dopo aver fatto suo il titolo Raid TT, appare in una condizione invidiabile e sarà difficile che si faccia scappare il bis.