Fuoristrada

Assoluti di Enduro a Firenzuola

Quella toscana potrebbe essere una tappa determinante

Domenica a Firenzuola (FI) andrà in scena il sesto degli otto round degli Assoluti d’Italia di Enduro. Ci si avvicina quindi al termine della stagione, e la tappa toscana potrebbe essere davvero molto importante in quanto a classifiche. A comandare l’Assoluta è Manuel Monni con 73 punti, otto in più rispetto al leader del Mondiale Junior, Giacomo Redondi, e tredici di vantaggi sul vincitore dell’ultima prova, Alex Salvini. Fuori dal podio virtuale, per soli due punti, Davide Guarneri.

Molto combattuta anche la lotta per la leadership nelle diverse categorie. Rudy Moroni guida la E1 con 94 punti davanti ai 75 di Gianluca Martini (nella foto), in gran forma dopo l’ottima prova nel Campionato del Mondo in Grecia. Terzo, Jonathan Manzi a 66 davanti a Battig, che salterà la tappa dopo l’infortunio alle costole rimediato a Pievebovigliana. Se nell’Assoluta Guarneri insegue Salvini, nella E2 le posizioni sono invertite, con il bresciano a quota 90 e il bolognese distanziato di un solo punto. Attenzione anche a Deny Philippaerts, terzo con 79 lunghezze. Punteggio pieno per Manuel Monni nella E3. Ai suoi 100 punti rispondono Thomas Oldrati con 81 e Maurizio Micheluz con 77. A Firenzuola entrambi cercheranno di avvicinarsi al capoclassifica.

Quinto nell’Assoluta e primo della Stranieri è Nathan Watson, i cui 77 punti non gli garantiscono tranquillità in quanto Pascal Rauchenecker e Matthew Phillips (leader della EnduroGP) seguono a quota 72 e 67. Altro pilota a punteggio pieno è Giacomo Redondi nella Junior, con Davide Soreca e Matteo Bresolin (che sarà assente per infortunio) che contano 81 e 58 lunghezze.

La partenza, fissata per le ore 8.30 del 29 maggio, avverrà dalla piazza principale di Firenzuola; una volta partiti, i piloti avranno giusto il tempo di scaldare il motore prima di affrontare il Cross Test. Un continuo sali e scendi abbastanza tecnico impegnerà i partecipanti prima della prova Estrema Maxxis-Honda Redmoto, valida per l’omonimo trofeo. Qui bisognerà fare attenzione ai sassi, presenti in maniera copiosa, soprattutto nel primo tratto disegnato all’interno del greto di un fiume. Terminato l’Xtreme Test si salirà verso il Passo della Futa dove sarà situato il C.O. assistenza dal quale partirà poi il controllo tirato. A seguire, la prova in linea: un anello di sei km farà emergere il più bravo tra le insidie del sottobosco. Il tutto sarà ripetuto per quattro volte.

Ma non saranno solo i piloti degli Assoluti a sfidarsi, ma anche i quasi cento appassionati della Coppa Italia. Tra loro spuntano Alberto Capoferri, Andrea Giubettini, Ivan Boezi e Marco Lubisetto, rispettivamente al comando nelle classi Cadetti, Junior, Senior e Major. A Firenzuola poi proseguiranno le sfide del’X-Cup Maxxis – Honda Red Moto e del Trofeo Fiat Professional Six Day. Nel primo, Salvini e Redondi guidano la graduatoria a pari merito, nel secondo il leader è Ivan Boezi.