Trial – Subito spettacolo alla prima del Campionato Italiano a Giffoni

Dopo la pausa invernale, è ripartito dal sud Italia, in provincia di Salerno il Campionato Italiano Trial trofeo Spea.


 


Con l’organizzazione del Moto Club trial Cava, capitanato da Onelio Salsano, sono state approntate le dieci sezioni di gara, su un giro quasi interamente in fuoristrada, che ha portato i concorrenti alle pendici della collina dove troneggia il castello medioevale di Giffoni, cittadina famosa per l’organizzazione del Festival del Cinema dei ragazzi.


 


Sui settantasei piloti in gara divisi nelle classiche sei categorie, si è registrata la massima affluenza di piloti stranieri con le brillanti stelle di Dabill, Brown, Wigg, Himmanen, a lottare nella Expert Internazionali, e dei giovani Challoner e Whitaker a competere nella Senior, ovviamente in classifica ma impossibilitati a raccogliere punti validi per il campionato.


 


Importanti debutti nella categoria regina con Bosis su Sherco del Team PRT, Maurino a condurre una Gas Gas del team Spea Area 51, e Francesco Iolitta alla guida di una Scorpa del Team X4.


Vittoria inaspettata, ma non per questo meno meritata, per il giovane Andrea Vaccaretti (Montesa Future Trial) che con un discreto vantaggio ha regolato il compagno di Team Fabio Lenzi e il mai domo Diego Bosis (Sherco PRT).


Ovvia la contentezza del pilota vicentino all’arrivo, che conferma in questo modo la sua crescita che gli ha permesso di agguantare la vittoria dopo soli due anni di permanenza nella massima classe.


 


Senior ad appannaggio di un concentrato Andrea Fistolera su Montesa, che in una gara che presentava zone relativamente semplici, ha commesso meno errori dei “colleghi” Jack Challoner (Miton Top Trial Beta), Daniel Postal (Spea Gas Gas Area 51), e del portacolori del Team Dario King, Michele Pradelli su Beta.


Lotta aperta per tutta la gara e vittoria sul filo di lana nella Junior con Filippo Gasco (Miton Top Trial Beta), su Emanuele Gilardini su Montesa e Matteo Cominoli (Team Cellati) con una Beta.


Solo sette penalità per Andrea Soulier (Spea Gas Gas Area 51) nella Master che si presenta come l’uomo da battere, finito davani al rientrante Andrea Petrella (Sherco PRT) e a Marco Andreoli (Montesa Future Trial).


Martina Balducchi (Beta Team Promotor) è la vincitrice della categoria femminile, seconda Miki Bonnini (Spea GasGas Area 51) e Sara Trentini su Beta, divise da un solo punto.


Chiudiamo con il protagonista assoluto della manifestazione, l’inglese James Dabill (Montesa Future Trial), vincitore della categoria Expert Internazionali che ha dato una grande dimostrazione di tecnica di guida accumulando solo sei penalità totali.


 


Exp.Int.


Dabill-  Montesa Future Trial-6


Vaccaretti- Montesa Future Trial- 19


Lenzi – Montesa Futurer Trial- 27


Expert


Vaccaretti- Montesa Future Trial-19


Lenzi -Montesa Futurer Trial- 27


Bosis-Sherco PRT- 29


Senior


Fistolera- Montesa- 16


Challoner-Miton Top Trial Beta- 19


Postal- Spea Gas Gas Area 51- 21


Junior


Gasco-Miton Top Trial Beta- 10


Gilardini- Montesa- 12


Cominoli-Team Cellati Beta- 14


Master


Soulier- Spea Gas Gas Area 51- 7


Petrella- Sherco PRT- 16


Andreoli- Montesa Future Trial- 19


Femminile


Balducchi- Beta Promotor- 45


Bonnin- Spea Gas Gas Area51- 52


Trentini- Beta- 53

Iscriviti alla newsletter FMI

Per essere sempre aggiornato su tutte le attività FMI