Fuoristrada

Torna l’appuntamento FMI-CSAI con il Rally di Puglia&Lucania

Un anno impegnativo per il Campionato Italiano Baja, protagonista di un restyling che vuole restituire notorietà ad una disciplina affascinante e particolarmente adatta al quad. L’Accordo di collaborazione individuato tra la FMI e la CSAI punta all’unione degli sforzi. Ai nastri di partenza il Rally di Puglia & Lucania in programma l’ultimo week end di maggio.

 

E’ alle porte la seconda prova del calendario Baja che prenderà il via il 29-30 maggio da Melfi con la 22° edizione del Rally Puglia&Lucania: una prova storica, polo d’attrazione di piloti stranieri per la validità di Campionato Europeo UEM e di Trofeo Cross Country Rally CEZ-FIA (Central European Zone della Federazione Internazionale Automobilistica), oltre ad ottima occasione per i fuoristradisti del sud di vivere l’agonismo nelle proprie terre.

 

Attesi i protagonisti della prima parte della stagione delle due e quattro ruote, da Ceci a Passigato, da Machacek a Tiziano Sette attuali leader delle classifiche di riferimento del Campionato Europeo ed Italiano.

 

La gara, organizzata dalla Scuderia Japigia di Bari e dall’Automobile Club di Potenza, avrà base logistica con partenze e arrivo nella centrale Piazza Mancini di Melfi per snodarsi in oltre 500 chilometri di tracciato, di cui oltre 205 di prove cronometrate, suddiviso in due tappe nell’arco del week end. I concorrenti potranno divertirsi e mettere alla prova capacità e mezzi in percorsi impegnativi, tortuosi, con frequenti variazioni altimetriche che richiedono una guida concentrata.

 

La partenza in prima fila sarà dedicata alle moto, seguiranno i quad e le vetture fuoristrada come previsto dal recente Accordo stipulato tra il Comitato Quad della Federazione Motociclistica Italiana e la Sottocommissione Fuoristrada della Commissione Sportiva Automobilistica Italiana, concluso con l’obiettivo di potenziare la promozione delle gare off road che vedono due e quattro ruote impegnate nella stessa manifestazione.

 

I termini dell’accordo, sancito nel 2010, prevedono la denominazione unificata “Baja” per le manifestazioni FMI e CSAI alle quali partecipano moto, quad e vetture fuoristrada con una nuova Regolamentazione reciproca che tenga conto delle esigenze e delle specificità di ognuno, prevedendo collaborazione e assistenza tra le Federazioni nella gestione degli eventi, le Direzioni di Gara, i Commissari di Percorso CSAI e gli Ufficiali di Percorso FMI.

Importante attenzione dedicata alla partecipazione dei motociclisti e dei quaddisti, non solo nell’ordine di partenza: un Osservatore FMI, infatti, è incaricato di verificare preventivamente il percorso individuato dall’Organizzatore CSAI per suggerire eventuali adeguamenti.

 

Dichiara Antonio Assirelli, Coordinatore del Comitato Quad FMI: “Riteniamo l’Accordo FMI-CSAI un importante punto di partenza per rilanciare una disciplina estremamente affascinante ma che negli ultimi tempi ha sofferto un calo di partecipazioni inaspettate e in controtendenza alla crescita che invece ha investito il QuadCross e le altre iniziative promozionali si settore. Ci stiamo impegnando per ottimizzare la gestione degli eventi, formare uno staff sempre più preparato e imparare nuove soluzioni e procedure dall’esperienza della CSAI”.

 

Concorda Mario Walter Oliva, membro della Sottocommissione CSAI Fuoristrada e R.T.T nonché promotore dell’accordo: “Sono convinto che l’Intesa tra le due Federazioni porti  molteplici benefici a partire da un Regolamento ed un’immagine unificati per le gare che vedono protagoniste le due e le quattro ruote. Il lavoro è stato impostato nel migliore dei modi, ora è il momento di concretizzare”.