Fuoristrada

Risultato a sorpresa al Rally Città di Rimini

Stefano Bernardi vince il Motorally Città di Rimini. Sul podio con lui Muccioli e Rizza. Solo quarto il campione italiano Matteo Graziani.


 


Una gara bella e combattuta, dominata dai piloti di casa. I 190 chilometri di percorso allestito dal motoclub Valconca per la prima reale gara dell’anno, il Motorally Città di Rimini, hanno premiato Stefano Bernardi, su Honda, che ha ottenuto il miglior tempo nella prima speciale recuperando un vantaggio tale sugli altri da vincere la classifica assoluta e portarsi al comando della classifica di Campionato. Alle sue spalle,


Fabrizio Muccioli e Massimiliano Rizza. Da questo punto in poi si trovano i nomi più conosciuti: Matteo Graziani infatti, è quarto davanti a Niccolò Pietribiasi e Luca Manca. Ottimo il settimo posto di Massimo Chiesa, su Kawasaki, seguito da Franco Dal Bello, Honda, Andrea Mancini, Husqvarna e Roberto Zanetti, Honda.


La gara – davvero bella per i tracciati – in realtà ha messo in luce piloti poco conosciuti nell’ambiente del motorally: Bernardi infatti, viene dall’enduro e ha cominciato a muovere i primi passi nel motorally solo ultimamente. Oggi ha sicuramente azzeccato la gara della sua vita ed è riuscito a vincere con un tempo complessivo di 38’24” guadagnandosi per il momento anche il primo posto assoluto nella classifica di Campionato.


LA CRONACA


Dopo aver lasciato La Darsena alle 8,30, i 267 piloti hanno raggiunto la prima delle due prove speciali in linea in programma, a Montebello, di circa 19 chilometri. Questa prova, la più lunga della giornata – in cui i piloti entravano intorno alle 9,30 – assisteva al dominio e alla vittoria di Stefano Bernardi su Honda che staccava un 23′.57” davvero incredibile che lo proiettava davanti a Fabrizio Muccioli su Husaberg di soli tre decimi e di 18” davanti al campione in carica, Matteo Graziani, su Ktm, che non andava oltre i 25’15”. Alle sue spalle chiudeva staccato di 10” Franco Dal Bello, su Honda seguito da Massimo Chiesa a quasi un minuto e mezzo dal primo. Dietro di loro Massimiliano Rizza, Luca Manca, Andrea Fesani, Niccolò Pietribiasi e Alessandro Fadda, mentre due dei favoriti, Paolo Ceci e Alex Zanotti finivano rispettivamente 24° e 45°, il primo per un problema in una buca, che incastrava la sua Aprilia per diversi secondi e il secondo per una serie di errori di navigazione. 


Nella seconda speciale il più veloce questa volta era Massimiliano Rizza, su Beta che strappava un 11′.39” infliggendo un distacco di 15” a Fabrizio Muccioli e 19” a Niccolò Pietribiasi su Ktm. Alle spalle del pilota veneto, Fabio Benetti seguito da Luca Manca, Roberto Zanetti, Matteo Graziani e Paolo Ceci, mentre a terminare il gruppo dei primi dieci erano Alessio Farinello ed Andrea Mancini.


La terza speciale non faceva che confermare le precedenti: il più veloce era nuovamente Bernardi che si imponeva su Rizza e Roberto Zanetti su Honda. Dietro di loro chiudeva Niccolò Pietribiasi che fermava i cronometri sui 2′.41” seguito da  Matteo Graziani e Filippo Giola su Husqvarna.


Al rientro i piloti, stanchi ma soddisfatti per la bella gara e i percorsi allestiti dal motoclub Valconca, spiegavano le difficoltà del tracciato, scivoloso per la tanta umidità nella prima mattina, e diventato via via più veloce man mano che lo sterrato si gommava: per questo motivo i concorrenti partiti dietro riuscivano a ottenere tempi migliori rispetto ai primi. In parte poi era anche la traccia che si scavava dopo ogni passaggio che rendeva la vita più facile ai piloti più arretrati.


 


E INOLTRE….


Sabato pomeriggio i 267 piloti iscritti alla gara hanno passato le verifiche amministrative e tecniche alla Darsena di San Giuliano, a Rimini, ritrovandosi poi alle 19,30 al briefing dove è stato osservato anche un minuto di silenzio in ricordo di un amico e pilota, Marco Badiali, che ha perso la vita due settimane fa in un modo atroce durante un allenamento con i suoi amici, tutti presenti alla gara con il lutto al braccio.


I due trofei monomarca interni al Campionato hanno visto trionfare Enrico Pella per il Trofeo Off Road Aprilia e Marco Drusiani per il Challenge Husqvarna.


Il prossimo impegno del motorally ora sarà a metà maggio, con il doppio appuntamento del Rally di Foligno, organizzato dall’omonimo motoclub.