Fuoristrada

Internazionali d’Italia 2013: Cairoli trionfa ad Arco di Trento

 Arco di Trento (Tn), 17-02-13.

 Il sei volte Campione del Mondo non ha deluso le aspettative e ha centrato la vittoria finale. Nonostante un pizzico di sfortuna, Tony Cairoli raddoppia il titolo e vince sia la classe MX1 che la Elite, portando a casa il montepremi di 50.000 euro e il superpremio finale del Trofeo Eicma.

Si è conclusa ad Arco di Trento l’edizione 2013 degli Internazionali d’Italia, dove a fare la voce grossa è stato l’iridato Tony Cairoli. La corsa Elite era la manche più attesa, in virtù del fatto che la formula di gara del Campionato avrebbe schierato al cancello di partenza il Campione del Mondo MX2 Jeffrey Herlings e il sei volte titolato Antonio Cairoli. Sul rettilineo di partenza i due orange si sono schierati fianco a fianco e allo scadere dei cinque secondi Tony ha bruciato tutti con uno dei suoi holeshoot. Dopo pochi giri il siciliano era già in vantaggio di una manciata di secondi rispetto ai suoi inseguitori, ma a metà gara un contatto con un doppiato ha compromesso sia il vantaggio che il proseguimento della corsa. In conseguenza dell‘abbandono di Cairoli, Steven Frossard ha preso la testa della corsa, ma ha dovuto cedere alla KTM di Jeffrey Herlings, che ha conquistato la vittoria di giornata. Terzo Ken De Dycker, quarto Evgeny Bobryshev che ha dichiarato di aver trovato difficoltà sul tracciato trentino a causa del fondo molto duro. Quinto David Philippaerts, il quale ha dimostrato di aver acquisito maggiore dimestichezza con la Honda di casa Gariboldi. A seguire Christophe Charlier, Joel Roelants e Shaun Simpson.

Nella MX1 non c’è stata storia. Tony l’ha fatta da padrone e sin dalla prima curva ha preso il comando della gara senza lasciare spazio a nessuno. Secondo e terzo rispettivamente Frossard e Bobryshev, i quali non hanno mai chiuso il gas nella speranza di riprendere Cairoli.

La MX2 è stata la parata di Herlings, che pur confessando di non essere sul proprio terreno ideale, si è involato subito verso la bandiera a scacchi in una corsa solitaria. Alessandro Lupino, al suo debutto stagionale e in piena fase di recupero post operatorio, ha segnato un bellissimo holeshoot ma non è riuscito a consolidare il vantaggio concludendo quarto. Secondo gradino del podio per Charlier, che si laurea Campione degli Internazionali MX2 e dimostra ancora una volta il suo valore. Jordi Tixier segue la scia del compagno di squadra e arriva terzo. Kullas conclude quinto davanti a Olsen. I due conquistano così rispettivamente il secondo e terzo posto di Campionato. Sfortunato il giovane italiano del Team Motocross FMI Samuele Bernardini, partito bene ma caduto alla seconda curva in seguito ad un contatto nel gruppo, chiude 16° in gara ma è 5° in classifica finale, primo degli Italiani.

La MX125 ancora una volta si rivela una classe piena di talenti. La compagine degli Under17 scatena in pista una grande bagarre per la conquista del podio. Gara #1 e Gara #2 vedono protagonisti in una lotta serrata Riccardo Righi (KTM Steels Dr Jack) e Filippo Zonta (KTM Mc Bisso Galeto), al termine della quale Righi fa doppietta, distanziando tutti e salendo sul gradino più alto del podio. Secondo in Campionato il lettone Sileika (KTM) che precede Walker (Suzuki Team Castellari).

Il prossimo appuntamento con i Campioni del Motocross è fissato quindi per il 2 marzo, con il Round di apertura del Mondiale in Qatar.

 

Clicca qui per scaricare le classifiche degli Internazionali d’Italia 2013
 
Clicca qui per tutte le informazioni sugli Internazionali d’Italia 2013