FMI

Incontro tra il Dipartimento Normative Fuoristrada FMI e l’Associazione Escursionisti su Ruote Veneto

Il 23 giugno a Reggio Emilia si è tenuto il primo incontro tra il Dipartimento Normative Fuoristrada della FMI – rappresentato dal Coordinatore Giulio Romei e dal membro Luca Giaroli – e l’Associazione Escursionisti su Ruote Veneto, rappresentata da Filippo Benvegnù, Andrea Brasola e Nicola Ruffin. Scopo della riunione, costruire le basi per una futura collaborazione tesa a ripristinare le corrette condizioni utili a consentire la circolazione motorizzata sulle strade a fondo naturale nella Regione Veneto.

Durante l’incontro sono state esaminate le questioni poste dall’Associazione e l’attività da questa svolta in merito all’argomento trattato, così da poter condividere in futuro le azioni di tutela, avviate dalla Federazione sul territorio nazionale, a favore dei motociclisti e dei Moto Club interessati dai problemi derivanti dalle norme vincolistiche, adottate impropriamente dalle Regioni in difformità con la norma dello Stato.

In seconda battuta è stata condivisa la necessità di fare sistema insieme al Dipartimento Normative Fuoristrada affinché le iniziative di Escursionisti su Ruote Veneto possano trovare sostegno e collaborazione nell’ambito della Federazione e, in particolare, l’Associazione possa così portare il proprio contributo alle strutture regionali per mutuare le azioni positive che hanno caratterizzato l’esperienza del Comitato Escursionisti su Ruote (di cui è presidente Giaroli) in Emilia o le attività svolte dagli organi federali in altre regioni come avvenuto recentemente in Abruzzo e Toscana.

A tal fine verrà favorita la sinergia con il Comitato Regionale Veneto, necessaria per attuare una fattiva collaborazione, e verrà fornito il supporto del Dipartimento Normative allo scopo di gestire i contenziosi in materia di circolazione fuoristrada. In particolare, si lavorerà per creare le condizioni favorevoli per far riconoscere alla Pubblica Amministrazione il contributo positivo portato dall’attività sportiva ed amatoriale sul territorio con la circolazione motociclistica consapevole del rispetto delle regole.