Moto d'Epoca

Il Presidente della Commissione Moto d’epoca

Abbiamo incontrato Massimo Mita, presidente della commissione Moto d’Epoca che ci ha dato un breve resoconto sulla attuale andamento del settore. “Siamo molto orgogliosi di quanto “produce” in termini di numeri di tesserati l’Epoca” ha esordito Mita. “Il movimento degli utenti, semplici appassionati, e quello sportivo, minore ma di certo promozionale al primo, vivono una costante crescita”. In termini di numeri? “Ben oltre i 65 mila i soci che gravitano intorno alle moto d’poca con circa 70 mila moto iscritte al registro storico FMI. Ed i numeri sono approssimati per difetto: ogni giorno si registrano nuovi associati”. Il movimento ha dei numeri così importanti che ha ottenuto dei numerosi riconoscimenti. “Per il lavoro fatto – sottolinea orgogliosamente Mita – abbiamo ottenuto agevolazioni fiscali e notevoli riconoscimenti dalle strutture pubbliche: su tutte, la possibilità di circolare in regime di blocco del traffico cittadino”. Su cosa si punterà nella prossima stagione per continuare sulle linee vincenti tracciate in questi anni? “Siamo presenti, e continueremo ad esserlo, nelle più importanti mostre/scambio del settore”. E per l’aspetto sportivo? “Sono ben oltre mille coloro che praticano l’attività. Nel 2007 proseguiremo con i meeting nati nella scorsa annata, che serviranno a consolidare sempre più la passione agonistica, in tutti i suoi aspetti, degli amanti dell’epoca”. Proprio per l’aspetto sportivo Mita annuncia alcune novità per gli appuntamenti del Trial (allo studio la “girata” oltre alla gara) e della Regolarità (con una giornata dedicata). In ultimo, il Presidente della CME, ci rivela una ulteriore novità: “Quest’anno ci sarà una operazione di visibilità per dare maggiore risalto ai Registri Storici di Marca. Creeremo delle opportunità per metterli in rilievo dato che da sempre marcano la storia dell’epoca nelle loro divisioni.”