Fuoristrada

Europeo Enduro: l’Italia sul gradino più alto in Francia

Finalmente una giornata di grandi soddisfazioni per la pattuglia azzurra oggi a Boussac nel centro della Francia al termine della prima prova del Campionato Europeo Enduro.

A classifiche “ufficiose” Luigi Maule (Honda) ha bissato la vittoria di sabato nella 125 4T, mentre Michael Pogna (KTM GP Motorsport 250 2T) si è imposto nella Junior E2/E3 riscattandosi dalla terza posizione di sabato. L’azzurrino del Team Italia Massimo Mangini (KTM GP Motorsport 125 2T) ha infine sfiorato d’un soffio una clamorosa meritatissima vittoria nella Junior E1 chiudendo in seconda posizione distanziato di neppure due secondi dal vincitore, lo svedese Anton Nordh (KTM 125 2T). Anche oggi la gara è stata fortemente caratterizzata dalle condizioni meteo con pioggia e fango nella zona della speciale in linea, mentre sulla estrema e nella cross qualche timido raggio di sole ha fortunatamente ridotto la quantità di fango. La sfortuna ha invece visto uscire di scena il giovane Nicolas Pellegrinelli (Yamaha Daihatsu Terios 125 2T) per una spettacolare caduta nella speciale estrema dove ha praticamente distrutto la sua moto senza però riportare conseguenze fisiche, malgrado sia stato soccorso da ambulanza. Nella 125 4T alle spalle di Maule si è piazzato secondo Simone Poloni (Honda Daihatsu Terios) con Alessandro Facchetti (Honda) sesto e Tommaso Mozzoni (Fantic) settimo.

Nella Junior E1 con Mangini secondo, deludente prova degli altri italiani in gara; il pilota del Team Italia Jonathan Manzi (KTM GP Motorsport 125 2T) ha chiuso nono, a oltre un minuto dai migliori, Jacopo Cerutti (KTM 125 2T) undicesimo per una caduta nella prima estrema, Guido Conforti (KTM Team Italia GP Motorsport 125 2T) diciannovesimo e Tommaso Montanari (KTM Team Italia GP Motorsport 125 2T) si è ritirato dopo la sesta speciale quando si trovava tra i primi quindici della classifica.

Nella Junior E2/E3 alla splendida vittoria di Pogna ha fatto eco anche l’ottima sesta posizione di Nicolò Mori (KTM 2MR 250 2T) e la dodicesima posizione di Luca Marcotulli (Yamaha Daihatsu Terios 450 4T).

Passando alla Senior E1, vinta dal francese Adrien Metge (Honda 250 4T), il nostro Alex Zanni stava nuovamente lottando per il podio ma è stato purtroppo rallentato dalla pioggia sulla prova in linea ed ha chiuso in quinta posizione precedendo nell’ordine Maurizio Gerini (Husqvarna 125 2T) e Giuliano Falgari (Yamaha Daihatsu Terios 125 2T), quattordicesimo infine Simone Agazzi (Husqvarna 125 2T).

Nella Senior E2 la sfortuna ha costretto al ritiro Andrea Beconi (Suzuki Johnny Moto 450 4T) mentre si trovava in terza posizione dopo quattro speciali. In questa classe vinta ancora dall’inglese Greg Evans (KTM 450 4T), Maurizio Facchin (Yamaha MO-TO RP Team 450 4T) ha chiuso con un più che ottimo sesto posto.

Nulla da fare, infine, per Alessio Paoli (Honda 500 4T) nella Senior E3 anch’esso rallentato dalla pioggia lungo la prova in linea; è finito ottavo con Diego Nicoletti (Beta 500 4T) undicesimo e Fausto Vignola (Honda 500 4T) sedicesimo. La classe è stata vinta dallo slovacco Robert Kapajcik ((KTM 300 2T). Sempre in questa classe va però segnalata l’ottima quarta posizione del toscano Maurizio Magherini (KTM 500 4T).

Questi i vincitori delle restanti due classi; Veteran Frédéric Weill (Husqvarna 250 2T), Femminile, Vania Kollman (KTM 125 2T). Sempre nella Veteran, Gianni Belloni Pasquinelli (Husqvarna) ha chiuso decimo.