Velocità

A Monza la seconda prova del Campionato Italiano Velocità – CIV 2008

Sono trascorse meno di due settimane dalla  gara inaugurale del Campionato Italiano di Velocità che si è svolta al Mugello e già siamo pronti per la seconda tappa delle sei in calendario e, ancora una volta sarà il tempio della velocità: l’Autodromo di Monza, ad ospitare il CIV.


 


Un evento di grande rilievo, visto che la gara si corre a una settimana esatta dall’appuntamento iridato della Superbike e che vede diversi piloti impegnati su entrambi i fronti, in particolare nella classe Superstock 1000 e nella 600 Super Sport. Un occasione importante per testare gli assetti e la messa a punto dei mezzi in vista del Gran Premio d’Italia dell’11 maggio.


 


Nella classe 125 MotoSprint, unica delle quattro in gara che non ha raffronti mondiali a Monza, visto che la pista brianzola, da anni non ospita più il circus della Moto G.P. i protagonisti saranno gli stessi del Mugello e in particolare il vincitore della gara inaugurale Lorenzo Savadori (Aprilia – RCGM) e i suoi rivali più diretti alla lotta per il titolo: Gabriele Ferro (Honda Metasystem), Stefano Musco (Aprilia – Ellegi Costa d’Oro), Marcello Ravaioli (Aprilia – Semprucci) e Riccardo Moretti (Honda – CRP). Nella circostanza sarà certamente della partita anche uno degli sconfitti eccellenti della gara toscana, il bolognese Ferruccio Lamborghini (Aprilia – JGP Dream) che al Mugello è caduto al primo giro e al quale non mancherà certo la voglia di un pronto riscatto.


 


Nella 600 S.S. SportAutomoto il riminese Massimo Roccoli, (Yamaha – Lorenzini) che è uno dei piloti impegnati anche nel mondiale, oltre a riaffermare il suo predominio, cercherà di utilizzare la gara in vista dell’appuntamento iridato, con il chiaro intento di tornare ad essere protagonista anche di quella scena, visto che quest’anno sin qui, nnno sin qui uest’ista anche di quella sceo di toirnare ta devoglia di riscatto.GP gara inauguralisto che il circuito brianzolo on può dirsi certo soddisfatto di come stanno andando le cose, il quattordicesimo posta in classifica con soli 16 punti nel carniere, sono veramente ben poca cosa e molto al di sotto delle  previsioni.


Il campionato è lungo e Roccoli avrà certo modo di rifarsi, ma intanto deve pensare al CIV e lui ha Monza è andato sempre forte e quindi per i vari Danilo Marrancone (Yamaha – WCR Bike Service), Franco Battaini (Yamaha – TNT) e Cristiano Migliorati (Kawasaki – Pucetti), non sarà facile evitargli di mettere il secondo sigillo consecutivo nel torneo tricolore. Nella circostanza però il riminese dovrà vedersela anche alcune wild card di lusso e fra queste spicca Simone Sanna tornato al vecchio amore, la 600 S.S. in sella alla Honda, la stessa moto che gli permise di infilarsi il casco tricolore nel 2005 proprio nella 600.


 


La Superstock Panta è la classe che vede i piloti del CIV fra i grandi protagonisti della Coppa del Mondo, la sfida per il tricolore  assume quindi, anche una forte connotazione internazionale, con il vincitore del Mugello Michele Pirro (Yamaha – Lorenzini) che oltre ad essere leader del tricolore è  terzo nella classifica iridata a soli quattro punti dal leader Maxime Berger . Il casco tricolore in carica, nell’italiano, precede Alex Polita (Ducati) e Davide Giugliano (Suzuki – Cruciani Moto), praticamente la stessa identica situazione che vi è in Coppa del Mondo, questo a conferma della grande validità di questo terzetto di piloti che tiene alti  i colori azzurri in campo internazionale.


Pirro è in gran forma, come ha dimostrato domenica scorsa ad Assen, ma dal canto suo Polita sta ritrovando piena fiducia e consapevolezza nei suoi mezzi, e, come ha dichiarato al Mugello, non ha nessuna intenzione di fare da comprimario, oltretutto Monza è una pista che gli piace molto, quindi si prospetta una bellissima sfida fra la sua Ducati e la Yamaha di Pirro. Certamente non starà a guardare Davide Giugliano con la Suzuki, il pilota più giovane dell’intero schieramento, terzo al Mugello bruciato nel finale proprio da Polita.


Non possiamo poi tralasciare il quarto incomodo, Fabrizio Pellizzon (Kawasaki – Stile Italiano) che all’ultimo anno di Superstock  ha tutta l’intenzione di lasciare un segno tangibile del suo passaggio.  Nella prova toscana in evidenza anche Luca Verdini (Yamaha – RCGM), Michele Magnoni compagno di Pirro e Stefano Cruciani (Ducati – Stop and Go Dunlop), i quali anche a Monza, non saranno da meno.


 


La Superbike in Toscana è vissuta tutta sul ravvicinato duello Corti – Scassa, entrambi in sella a moto ufficiali: Yamaha – Motor Italia per il primo e MV Agusta – Unionbike Gimotosport per il secondo, e c’è da scommettere che la cosa si ripeterà anche nel parco brianzolo.


In questa battaglia, sarà poi interessante vedere se la MV sarà riuscita a colmare i deficit in velocità nei confronti della casa di Iwata riscontrati al Mugello che hanno certamente penalizzato il pilota aretino.


Monza è da sempre una pista particolarmente amata dal sempreverde Mauro Lucchiari (Ducati – GPM Chemiba) e chissà che in questa circostanza il padovano non riesca a fare il classico colpaccio!  Possibilità  vanno date anche a Maurizio Prattichizzo (MV Agusta – Factory SBK) e alla Honda di Luca Conforti, preparata dal team Emmebi.


 


Da ricordare che oltre alla quattro gare del CIV scenderanno in pista anche i piloti della Yamaha Cup 2008 divisi nelle categorie: R6 Braking Cup, R6 Metzeler Cup, R6 Santander Cup e R1 Marchesini Cup. In totale altri 160 concorrenti che aggiunti a quelli del CIV porteranno a Monza, oltre 300 piloti a contendersi i punti per i vari titoli in palio.


 


Come sempre non mancano i motivi d’interesse, amplificati in questo caso dall’essere la gara che di sette giorni precede l’appuntamento iridato.


 


Il programma della manifestazione si aprirà venerdì alle 8.00 con le verifiche tecniche, alle 9.00 cominceranno le prove libere che si protrarranno sino le 18,30. l’intera giornata di sabato sarà dedicata ai turni ufficiali di qualifica che definiranno le griglie di partenza. Domenica si inizierà con gli warm up delle quattro classi del CIV, poi le gare della Yamaha che chiuderanno la prima parte del programma.


 


Le corse valide per i caschi tricolori a partire dalle ore 14.00, per primi in pista i piloti della 125 G.P. MotoSprint, poi a seguire alle 15.00 la Superstock – Panta, alle 16.00 la Supersport – SportAutomoto e in chiusura alle 17.00 La Superbike – PBR EK