Mototurismo

3° giro di Sicilia. Ultimo atto

Domenica 1° maggio si è concluso positivamente – nonostante il meteo assai instabile – il 3° Moto Giro di Sicilia, manifestazione mototuristica inserita nel calendario dei “Grandi Eventi FMI”, organizzata dal Moto Club del Tirreno e iniziata il 25 aprile.

I partecipanti, provenienti da ogni parte d’Italia con la gradita presenza di una motociclista francese, nella prima parte del Moto Giro hanno avuto modo di visitare le due isole Eolie più grandi (Salina e Lipari), mentre la visita delle più piccole è stata fatta utilizzando motonavi che hanno permesso di ammirare dal mare la bellezza dell’arcipelago Eoliano. Da segnalare che a Lipari i motociclisti hanno fatto una breve ma significativa sosta dai fratelli Biviano, affetti da una grave malattia degenerativa.

Completata questa prima fase del programma, la manifestazione è proseguita il venerdì 29 con la visita, in provincia di Messina, di Montalbano Elicona, borgo più bello d’Italia nel 2015, e di Basicò famoso ai più per le rinomate provole basicotane. Nel pomeriggio è stata la volta di Tindari e del teatro Greco. Sabato 30, in una alternanza di mari e monti si è partiti per visitare San Marco d’Alunzio, e successivamente Sant’Agata di Militello; nel pomeriggio sono state le ceramiche di Santo Stefano di Camastra a fare da padrone concludendo la giornata con la visita di Castel di Tusa resa famosa dalla bandiera blu e dalle sculture dell’eclettico artista Presti. Non è stato comunque trascurato l’aspetto gastronomico: come da tradizione le specialità tipiche dei luoghi visitati sono stati proposti ed apprezzati dai quasi 70 partecipanti che hanno avuto modo di gustare anche i dolci del territorio come la pignolata ed il bianco e nero.

Il 3° Moto Giro di Sicilia si conferma dunque ancora una volta come il giusto mix tra motociclismo, cultura e gastronomia, una formula innovativa che sembra a giudicare dai positivi giudizi dei partecipanti riscuotere sempre maggior successo.