Loading...

Il Presidente Copioli in Audizione in Senato

La FMI chiede l’inserimento dei motociclisti tra gli utenti vulnerabili della strada, incentivi all’acquisto di protezioni e l’accesso in autostrada per i 125cc

 Si è svolta oggi in Commissione Lavori Pubblici del Senato una Audizione della FMI in merito alla conversione in legge del Decreto Legge 68/2022, che all’articolo 7 pone l’attenzione sulla sicurezza stradale.

E’ stata questa l’occasione per il presidente Giovanni Copioli per ribadire l’importanza che riveste l’utenza motociclistica nella circolazione stradale, contesto spesso focalizzato, a torto, esclusivamente sulle automobili. Se infatti il numero di veicoli circolanti vede una netta prevalenza delle auto sulle moto (circa 40 milioni di auto contro 7 milioni di veicoli a due ruote a motore), non bisogna dimenticare che i motocicli, che rappresentano il 13,5% del parco circolante, sono coinvolti nel 24,8% dei decessi. E poi c’è la tradizione sportiva del nostro settore, che continua a regalare tanti campioni e che muove un mercato di eccellenza: con i suoi 7 milioni di mezzi, l’Italia è il primo paese per numero di due ruote a motore e rappresenta il 15% del parco circolante in Europa.

Tra gli argomenti posti all’attenzione della Commissione, la FMI ha chiesto il riconoscimento dei motociclisti tra gli utenti vulnerabili della strada e la possibilità di ingresso in autostrada e sulle tangenziali per il motocicli 125cc, diritti già ampiamente riconosciuti in Europa.

L’audizione è poi proseguita parlando nella necessità, per i motociclisti, di essere maggiormente protetti. Dopo aver evidenziato i pericoli che la strada presenta, dalle pendenze dell’asfalto, alla presenza di buche, a radici affioranti, all’utilizzo di materiali sdrucciolevoli, agli ostacoli fissi, la FMI ha chiesto interventi di incentivazione per l’installazione di barriere salva motociclisti anche in deroga al Decreto Toninelli ed ha chiesto inoltre l’incentivazione all’acquisto di abbigliamento protettivo, nella direzione di quella protezione passiva importantissima per i propri utenti.

Al termine, dopo aver risposto ad alcuni quesiti formulati dal presidente della Commissione Mauro Coltorti e dal senatore Stefano Corti, il presidente Copioli ha ringraziato tutta l’8° Commissione del Senato, per la sensibilità dimostrata nei confronti della categoria dei motociclisti.

Ovviamente tutti gli argomenti proposti saranno dalla FMI sviluppati, anche in sinergia con ANCMA, in emendamenti al DDL 2646 (conversione del DL 68/2022), emendamenti che chiederemo ai membri del Parlamento di sostenere nel dibattito parlamentare. Ai senatori e ai deputati amici dei motociclisti chiediamo sostegno per la nostra battaglia in favore della sicurezza.

 

Iscriviti alla newsletter FMI

Per essere sempre aggiornato su tutte le attività FMI