Fuoristrada

LOMBARDIA – Straordinario successo alla Festa dei Campioni

Gremita la Sala Conferenze dell’hotel “Le Robinie” di Solbiate Olona.
La cornice è rimasta quella dello scorso anno; i campioni – i premiati – diversi dal 2010, tantissimi. All’hotel “Le Robinie” di Solbiate Olona hanno risposto in molti all’invito del Co. Re. Lombardia della FMI per la ‘Festa dei Campioni.
E tra i molti, tante personalità del mondo sportivo: il presidente del Coni Regionale Pierluigi Marzorati, quello della FMI Paolo Sesti e i consiglieri Bidorini, Colombo e Gualdi e del mondo politico, il senatore Torri, l’assessore provinciale De Bernardi Martignoni, il dott. Tatarella dell’Ufficio dell’assessorato Turismo della Regione Lombardia, il presidente del Collegio dei Revisiori dei Conti dott. Cesare Magnano ed il procuratore federale avv. Antonio De Girolamo.
E poi loro, i premiati. E’ toccato a Sesti il saluto di benvenuto: “Mancavo da qualche anno e ho voluto esserci alla Festa della regione più importante per numeri e attività in tutti i settori”. Il Co. Re. Lombardia, infatti, sfiora i 30.000 tesserati e vanta 330 motoclub. Ha proseguito il padrone di casa, Alessandro Lovati: “Il 2011 sarà all’insegna del turismo, così come gli anni scorsi è successo per le minimoto o il supermotard: vogliamo un mototurismo diverso ed infatti nel 2010 abbiamo stretto un accordo con il dottor Stefano Maullu, assessore al Turismo della Regione Lombardia e con Moto Tv per la realizzazione di itinerari specifici. Stiamo modificando l’assetto del turismo con un nuovo gruppo di lavoro: cultura, gastronomia e tradizioni avranno la moto come comune denominatore. Non solo: il Co. Re. s’impegnerà a supportare i ‘moto eventi’ a patto che le richieste abbiano un programma allegato e che in passato non ci sia stata cattiva organizzazione”.
Circa i ‘moto eventi’, il Co. Re. si impegna a supportarne alcuni che abbiano veramente le caratteristiche innovative in linea con la filosofia enunciata.
Quindi il via alle premiazioni con tre sorprese: riconoscimenti a Luigi Galizzi, Alfredo Proverbio e Renzo D’Adda per il lavoro svolto in seno alla FMI e che, per raggiunti limiti di età, non potranno più ricoprire incariche di Ufficiali di gara.
La cerimonia si è poi conclusa con un ricco buffet per tutti.