Mototurismo

37° Motoraduno del Tartufo a Sant’Angelo in Vado

Da venerdì 16 ottobre a domenica 18 ottobre si ripeterà uno dei più importanti avvenimenti mototuristici nazionali e internazionali della stagione, considerato dalla FMI come Grande Manifestazione Classica, la cui formula turistica ed enogastronomica gode di grande apprezzamento generale; un finale di stagione che da la possibilità al paio di  migliaia di mototuristi che gratificano l’evento e il paese marchigiano di Sant’Angelo in Vado di godere di una ospitalità coinvolgente, in cui l’intera comunità cittadina è impegnata a portare a termine questo spettacolare fenomeno ove ogni angolo del paese diventa campeggio, albergo, bottega artigiana, trattoria con  esposizione e degustazione dei mitici tartufi e dell’ottimo vino locale, che sarà mesciuto nelle altrettanto mitiche “cantine monumentali”.

Ma non solo Sant’Angelo in Vado è coinvolto, visto che sono ben tre i tour organizzati nella terra marchigiana: a Pesaro, nelle antiche officine Benelli, trasformate in museo/esposizione, a San Leo, famosa per la sua fortezza, la prigione di Cagliostro, nella Valle del Metauro e quindi nei dintorni del centro di Sant’Angelo. La cena del sabato sera è offerta a tutti i partecipanti e la colazione è ricchissima, a base di maialino in porchetta e  affettati locali. Insomma, c’è da “star bene” come testimoniano le tantissime presenze che ogni anno si contano in questo motoraduno dove l’eccellenza è di casa. FMI sarà presente con il suo FMI POINT, come ogni anno e distribuirà un gadget particolare ai possessori del Libretto Turistico 2015 che non l’avessero ancora avuto nei precedenti appuntamenti.

Il programma