Loading...

Quali sono le disposizioni del “Decreto Energia” (Legge 27 aprile 2022, n. 34 di conversione con modificazioni del D.L. 1° marzo 2022, n. 17 – GU Serie Generale n. 98 del 28-04-2022) di interesse per il mondo sportivo ed associativo?

Quali sono le disposizioni del “Decreto Energia” (Legge 27 aprile 2022, n. 34 di conversione con modificazioni del D.L. 1° marzo 2022, n. 17 – GU Serie Generale n. 98 del 28-04-2022) di interesse per il mondo sportivo ed associativo?

Il “Decreto Energia” contiene ulteriori interventi a sostegno del mondo sportivo ed associativo.
Contributo a fondo perduto “caro bollette” (art. 7, co. 1-3). Per sostenere le ASD e SSD maggiormente colpite dagli aumenti dei prezzi dell’energia elettrica, con specifico riferimento ai sodalizi che gestiscono impianti sportivi e piscine, il Fondo unico a sostegno del potenziamento del movimento sportivo italiano – che viene incrementato di 40 milioni – potrà erogare contributi a fondo perduto. Con Decreto dell’Autorità politica delegata in materia di sport saranno individuate le modalità e i termini di presentazione delle richieste di erogazione dei contributi, i criteri di ammissione.
Proroga sospensione dei termini di versamenti e adempimenti fiscali e contributivi (art. 7, co. 3 bis-quater). Si segnala che il Parlamento ha disposto la proroga della sospensione di alcuni termini di versamenti e adempimenti fiscali e contributivi a beneficio delle FSN, DSA, EPS, Associazioni e Società sportive, professionistiche e dilettantistiche, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa in Italia e operano nell’ambito di competizioni in corso di svolgimento. I termini di sospensione previsti dalla Legge di bilancio 2022, compresi i termini in scadenza nel periodo dal 1° maggio al 31 luglio, vengono infatti prorogati fino al 31 luglio 2022. I versamenti così sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 31 agosto 2022 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 4 rate mensili di pari importo, pari al 50% del totale dovuto, e l’ultima rata di dicembre 2022 pari al valore residuo. Il versamento della prima rata deve avvenire entro il 31 agosto 2022, senza interessi, mentre i versamenti relativi al mese di dicembre 2022 devono essere effettuati entro il giorno 16 di detto mese.


Iscriviti alla newsletter FMI

Per essere sempre aggiornato su tutte le attività FMI