Moto d'Epoca

Trofeo Sardinia 2012 – A Mores vincono Pinna (600) e Cirotto (1000)

Ancora spettacolo e emozioni, nonostante la pioggia e il freddo, all’Autodromo di Mores con Tommaso Pinna, nella classe 600, e Peppino Cirotto, nella 1000, che si laureano nuovi campioni sardi di motociclismo su pista.

La quarta e ultima manifestazione del Trofeo Sardinia 2012, campionato sardo di velocità su pista, disputata ieri all’Autodromo di Sardegna di Mores e caratterizzata dai continui rovesci di pioggia e dal freddo pungente, ha confermato le attese della vigilia con sfide davvero interessanti sin dalle prove ufficiali di qualifica del mattino ha fatto registrare i successi dello stesso Pinna e di Edmondo Era (Yamaha R1) nella 1000. 

Nelle prove della 600 si confermavano  i più veloci,  nell’ordine, Pinna (Yamaha R6) con 51”409 a oltre 115 Km/h di media, Andrea Loriga (Yamaha R6) con 51”672 e Salvatore Doro (Yamaha R6) con 53”231.

La gara vedeva affrontarsi  in modo deciso i primi due autori di vari sorpassi. Verso metà gara Pinna prendeva decisamente l’iniziativa e passava in testa deciso. Il suo allungo, con il miglior giro in gara con 55”853 a oltre 106 KM/h di media, si rivelava decisivo e il suo vantaggio si dilatava sino ai 5”201 finali su Loriga.

Nettamente staccati gli altri con Gianluca Sole (Yamaha R6) che ha la meglio per il terzo gradino del podio .

 Nella classe 1000 Open, che vedevano già dalle prove libere di sabato lo spettacolare incidente (volo in rettilineo per una pozza d’acqua) di Giovanni Andrea Russu (per fortuna senza gravi conseguenze fisiche), le prove ufficiali  vedevano Era mettersi in evidenza con 55”921 davanti a Cirotto con 58”850 e Andrea Cancedda (Kawasaki) con 59”642.

 La gara , con la pioggia che cadeva fitta e con uno stop per due cadute dopo la prima partenza, vedeva Era prendere subito un leggero vantaggio sui più diretti avversari, e poi consolidarlo giro dopo giro, andando a vincere a oltre 100 Km/h di media ed era suo anche il giro più veloce a 57”426.

Alle sue spalle c’era lotta per gli altri due posti sul podio con Cirotto (BMW s 1000 Rr) che riusciva a passare e si prendeva la seconda piazza davanti a Giovanni Andrea Russu, che lo seguiva sul traguardo per pochi decimi.

La manifestazione, organizzata dal Motoclub Autodromo di Mores in collaborazione dalla Federmoto (Fmi), in questo suo epilogo, a cui era presente anche il presidente della Federmoto regionale, Ettore Pirisi, ha visto sfidarsi i più forti motociclisti sardi amanti della velocità.

La classifica finale del campionato nella classe 600 vede Pinna (Motoclub Autodromodi Mores) nettamente primo con 100 punti seguito da Buscarino (Yamaha R6) con 51 e Andrea Loriga (sempre Yamaha R6) con 50.

 Seguono nelle immediati posizioni fuori dal podio Agostino Pintori (Kawasaki) e Salvatore Doro (Yamaha R6), quest’ultimo costretto al ritiro per problemi meccanici quando poteva giocarsi il secondo posto finale in classifica.

Nella classe 1000 conferma per il campione incarica Cirotto con 86 punti ma Edmondo Era (Yamaha R1) gli è arrivato proprio vicino a quota 81 mentre si è fermato a 71 punti l’arzachenese Giovanni Andrea Russu (Yamaha).

Degno di nota il quarto posto, sia nella gara di ieri che nella classifica conclusiva del Trofeo Sardinia, per il veterano Francesco Deffenu (Kawasaki ), che con 48 punti ha preceduto Andrea Cancedda (Kawasaki), Francesco Morgavi (Suzuki) e Riccardo Cabras.