Fuoristrada

Trofeo delle Regioni Enduro a Lombardia (Senior) ed Umbria (Junior)

Nel Trofeo Senior s’impone la Lombardia con una squadra formata da giovani promesse, mentre nel Trofeo Under si riconferma per il secondo anno consecutivo l’Umbria, in una battaglia che ha visto scendere in campo ben 17 rappresentative regionali.

Si è svolto ieri, nella umida Spoleto (PG), il X Trofeo delle Regioni Enduro, dove i migliori atleti italiani, indossate le casacche delle loro regioni, si sono sfidati in una battaglia al photofinish.

Una gara bella, impegnativa, tosta, caratterizzata dal fango con tratti di vero Enduro, dove ad imporsi a fine giornata sono state le formazioni di Lombardia e Umbria, grazie a Andrea di Luca, Riccardo Crippa, Luca Marcotulli, Jacopo Cerutti, Alessandro Mayr e Nicola Piccini per quanto riguarda la squadra capitanata da Dario Gatti, e grazie a Nicolò Mori, Tommaso Montanari, Omar Chiatti e Francesco Gennari per i colori dell’Umbria.

La manifestazione vera e proprio è iniziata però sabato 27 ottobre, quando si è svolta la cerimonia di presentazione delle Regioni in gara, preceduta dall’importante consegna da parte della Fmi, Axiver e l’Hm Honda Jolly Racing di due moto griffate “Corpo Forestale dello Stato” al comandante Claudio D’Amico. Un’iniziativa che segna un decisivo primo passo di avvicinamento tra mondo dell’Enduro e ambiente, il quale va rispettato, senza rinunciare alla nostra passione.

Grazie alla possibilità di utilizzare le due moto, particolarmente adatte all’uso fuoristrada, sarà ora ancora più facile ottenere una presenza attiva del Corpo Forestale in fase di preparazione di una gara, con una supervisione preventiva dei possibili percorsi e una valutazione più accurata e precisa di ogni possibile controindicazione.

A seguire sono state presentate le formazioni delle 17 Regioni presenti a questo X Trofeo, con una cerimonia svoltasi all’interno dell’ex Teatro Moderno di Spoleto a causa dell’abbondante pioggia caduta durante la giornata che ha purtroppo costretto l’organizzatore a virare verso la scelta della “sfilata” al chiuso. Pioggia che ci ha accompagnati per tutto sabato, e che ha costretto il Motoclub Spoleto ad annullare gli spettacoli di Freestyle, Stunt Man e la scuola Hobby Sport in programma. Davvero un peccato!

Presenti ad applaudire le proprie squadre i Presidenti dei Comitati Regionali di Umbria, Toscana, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Lazio, Provincia Autonoma di Trento, Basilicata, Campania e Molise, oltre al Presidente FMI Paolo Sesti, il suo vice Fabio Larceri, alla Presidente del Gruppo Commissari Sandra Meret e i Consiglieri Federali Giovanni Copioli e Raffaele Lanza.

Giornata di gara scattata ieri alle ore 8.30 da Piazza Garibaldi di Spoleto (PG) e proseguita poi lungo i 50 km di percorso tracciato dagli uomini del motoclub, e messo a punto dal nostro responsabile di percorso Mario Rinaldi, hanno impegnato i 218 atleti al via per un totale di circa 6 ore di gara.

All’interno del percorso erano disposte due prove speciali, un Cross Test ed un Enduro Test, entrambe caratterizzate dal terreno fangoso e bagnato causato dall’enorme quantità di acqua caduta nei giorni precedenti. A spuntarla su tutti, come detto prima, nel Trofeo è stata la Lombardia, seguita da un’ottima Umbria (Bazzurri, Polidori, Vecchi, Mancinelli, Bazzurri, Rughi) e dalla Toscana (Uccellini, Tellini, Malatesta, Occhiolini, Serafini, Bartolini), mentre tra gli Under la vittoria è andata all’Umbria che ha preceduto l’Emilia Romagna (Castellana, Montelaghi, Ferrari, Bernardi) e il Piemonte (Bresolin, Gardiol, Sordo, Boffa).

Nella E1 2T primo posto per il lombardo Andrea Di Luca (KTM), seguito in seconda posizione da Andrea Casaretto (KTM – LIG) e in terza da Marco Montelaghi (KTM – ERO), questi ultimi due distaccati da un solo secondo. Da segnalare una brutta caduta in fettucciato del ligure Luca Rovelli mentre era in testa alla classifica, che gli ha causato lo schiacciamento di una vertebra. Un in bocca al lupo a Luca di pronta guarigione! Nella E1 4T sembra non essersi ancora scordato come si va in moto il perugino Roberto Bazzurri (Husqvarna – UMB) che si impone nella classe davanti al giovane Jacopo Cerutti (TM – LOM) e al conterraneo Tommaso Montanari (KTM – UMB). Ottima prestazione per Matteo Bresolin nella E2 dove riesce a conquista la vetta del podio in sella alla Husaberg 250 2t per i colori del Piemonte, precedendo Alessio Polidori (TM – UMB) e Diego Nicoletti (Beta – VEN). Grande battaglia nella E3 dove a contendersi per tutta la giornata la classe l’assoluta sono stati i due campioni italiani Vanni Cominotto (TM – FVG) e Nicolò Mori (TM – UMB).

A dividerli sono stati soli 11 secondi, che hanno decretato il friulano Cominotto primo in entrambe le classi, seguito dallo stesso Mori e da Maurizio Facchin (KTM – VEN). Tra i Veteran, medaglia d’oro per Claudio Roverè (Yamaha – TRE), con Giancarlo Moscone (HM Honda – ABR) e Daniele Rebellato (KTM – VEN) ad occupare la seconda e terza piazza del podio. Nella 125 Cadetti a concludere la giornata in prima posizione è stato Nicolò Bruschi (HM Honda – ERO), con Riccardo Crippa (Yamaha- LOM) e Fabio Pampaloni (TM – TOS) che concludono alle sue spalle, mentre nella 50cc ottima performance Corrado Romaniello (Beta- PIE) che conquista la vittoria seguito da Jordi Gardiol (Suzuki Valenti – PIE) e da Marco Bologna (Beta – SIC).

Per quanto riguarda la classifica individuale nella E1 2T primo posto per Davide Fiore (KTM), che precedere Maurizio Bonetto (KTM) e Mirco Brizzi (Fantic Motor), mentre nella E1 4T vittoria per Paolo Dalla Zuanna (Yamaha), seguito da Alessandro Iozzelli (KTM) e Elio Paganelli (HM Honda). Andrea Mancini (Beta), Bernardo Stanghellini (Husaberg) e Jacopo Parrini (HM Honda) sono i primi tre piloti ad occupare il podio della E2, affiancati da Guido Chiavelli (Husaberg), Daniele Armanni (Husaberg) e Fabio Carizia (Beta), rispettivamente primo, secondo e terzo nella E3.

Nella Veteran, miglior tempo fatto registrare da Alessandro Dario (Beta), seguito da Remo Fattori (SBR Racing) e Claudio Orrea (HM Honda), mentre nella 125 Cadetti ad imporsi è stato Mirko Giudici (Husaberg), con Andrea Giacchero (Gas Gas) e Luca Castellana (HM Honda) che conquistano la medaglia d’argento e di bronzo.

Vetta del podio tra i Club per la Scuderia Norelli BG grazie a Mirko Giudici, Remo Fattori e Daniele Armanni, seguito dal Motoclub Ardosa (Chiavelli, Dalla Zuanna, Rebellato) e dal Mc Foligno (Forini, Mancinelli, Marcellini).

Terminata dunque la stagione 2012, occhi puntati al 2013 per un nuovo anno insieme, all’insegna dell’agonismo, delle appassionati sfide ed emozionanti duelli, sugli impegnativi terreni che gli organizzatori della prossima stagione sapranno regalarci.

Ma prima, agenda alla mano, appuntamento con le Premiazioni dei Campioni Italiani che si terranno sabato 8 dicembre presso l’Hotel Quadrante Europa a Sommacampagna (VR).