Fuoristrada

Supermoto: a Viterbo è sfida internazionale e tricolore

A poco più di una settimana dalla quarta prova degli Internazionali d’Italia Supermoto che si svolgerà sul bel circuito di Viterbo dove appena un mese e mezzo fa si è aperto il mondiale della specialità, fervono i preparativi perché tutto sia pronto per i giorni 6 e 7 giugno, che vedrà l’atteso confronto che torna nel Lazio dopo il giro di boa avvenuto il 17 maggio scorso a Latina.

Come nelle gare precedenti anche in questa occasione si decidono i vincitori internazionali ma anche quelli tricolori con il bresciano Davide Gozzini (TM 747 Motorsport) a guidare la classifica dopo ben sei vittorie su sei manche disputate in classe S2, proprio come successo al pesarese Ivan Lazzarini (HM Honda Racing) in classe S1 dove ha sempre vinto.

A distanza di tre settimane dall’ultima prova pontina, dalla quale sono uscite più conferme che novità in classifica, si prevedono nuovi attacchi avversari ai due capolista per cercare di raddrizzare una situazione che rischia di delinearsi irrimediabilmente. Non sembrerebbe difficile fare previsioni sui vincitori finali, ma l’esperienza insegna che piloti e moto prediligono circuiti con caratteristiche diverse, quindi ogni pronostico potrebbe non essere scontato.
 
Nella bella pista della Tuscia viterbese, ad insidiare la corsa del campione in carica Gozzini ci sarà ancora il progressivo e sempre più incisivo Luca Minutilli (Aprilia-PMR H2O) che sfrutta questa opportunità del doppio appuntamento laziale per avvicinarsi sempre più al capoclassifica e mettersi in mostra davanti al suo pubblico, proprio come accaduto in occasione del mondiale di aprile nel quale ha conquistato per la prima volta il podio assoluto. Ma a volersi riscattare ci sono anche altri contendenti, come il pesarese Lorenzo Mariani (TM-MRC) che si trova sempre ben saldo in terza posizione dietro al pontino, e poi ancora Andrea Occhini (TM), Paolo Gaspardone (Ktm), Ryan Sconfietti (Honda), Riccardo Peroni (Husqvarna), Luca De Angelis (TM), Alberto Dall’Era (Ktm), Alessandro Tognaccini (Aprilia), che formano l’ordine dei primi dieci in classifica tricolore.
 
In classe S1 ad inseguire il campione in carica Lazzarini ci saranno due poliziotti bolognesi delle Fiamme Oro e compagni di squadra nel Team Evolution: Christian Ravaglia (Aprilia) e Massimo Beltrami (Aprilia), quindi Max Verderosa (Honda-HM Tds Faor), Fabio Balducci (Suzuki-Lux Performance), Edgardo Borella (Ktm-Team Miglio), Marco Dondi (Aprilia-PMR H2O), Fabrizio Bartolini (WRM-Pergetti), Teo Monticelli (Honda-Freccia), Marco Candelori (Honda-Fiamma).
 
Tra le novità introdotte nella nuova formula internazionale 2009, che vede tra l’altro la disputa delle prime manche S1 e S2 già dal sabato, c’è il confronto open tra i migliori delle due classi in una gara accesissima quanto appassionante, che serve ad attribuire i punti per la classifica internazionale, l’unica che assegna punti indistintamente a tutti, italiani e stranieri. Dopo la defaillance tecnica del transalpino campione del mondo Adrien Chareyre (Husqvarna-Azzalin) a Latina, ora al comando della graduatoria è Davide Gozzini che precede di sole due lunghezze Lazzarini e Chareyre, mentre il vincitore dell’ultima prova, l’ufficiale TM Thierry Van Den Bosch (747 Motorsport) è quarto davanti a Thomas Chareyre (Husqvarna-FRA-Azzalin), Gaspardone, Beltrami, Eddy Seel (Suzuki-BEL-Rigo Racing), Occhini e Minutilli nei top ten.
 
Le classi tricolori S4 e S4 sono, come immaginabile, sono altri confronti interessanti che propongono sempre gare apertissime e ricche di colpi di scena.
Il marchigiano Marco Animento (Kawasaki-Fiamme Oro) nonostante una caduta nella prima manche dell’ultima prova laziale, guida ancora la graduatoria della S4 grazie a cinque bellissime vittorie parziali, che gli permettono di precedere in graduatoria generale sia Mauro Cucchietti (Yamaha-Drivers CN) sia Cristiano Lupacchini (Honda-Dieffe Racing), mentre in S5 è ora Mattia Martella (Ktm-Abruzzo Racing) al comando dopo la bella prova di Latina, inseguitori più diretti sono Alessio Piccinato (Aprilia-Tre Pini) Fabio Gazzarri (Yamaha-Pantera).
 
Il programma del weekend come nei precedenti eventi prevede anche la partecipazione dei tre trofei, con le belle sfide proposte dai monomarca Honda, Suzuki e Aprilia.
Nell’Honda guida ancora la graduatoria Orlando Gattazzo grazie a tre vittorie parziali e tre posizioni di vertice, ma a seguirlo c’è ora il progressivo Diego Monticelli, vincitore delle ultime due manche, che precede Matteo Traversa. Anche nel Trofeo Suzuki è ancora Simone Cecchetti il leader del campionato ma alle sue spalle scalpitano Kevin Dursapt, vincitore dell’ultimo round, e Thomas Gory.
 
Infine il Trofeo Aprilia con le due classi in gara, la Open e la Serie. Nella prima è il ventunenne pugliese del Team PMR-H2O, Giuseppe Di Iorio, a guidare la classifica con quattro vittorie davanti a Simone Comellini e Lorenzo Lapini, mentre nella classe Moto di Serie guida ora la terna il vincitore dell’ultima prova Leonardo Draghi su Emanuele Fanti e Renzo Razzi.
 
Programma:
Dalle ore 9,30 di sabato i piloti entreranno in pista per i rispettivi turni di Prove Ufficiali, mentre dalle 11,40 diventeranno Time Pratice a partire dalla S4-S5. Le prime due gare in programma per il sabato sono previste rispettivamente alle 15,55 e 16,30 e saranno seguite da gara-1 del Trofeo Suzuki e le Time Pratice dei trofei Honda e Aprilia.
La domenica saranno i piloti della S4-S5 ad iniziare le sfide con la prima delle due manche, a seguire le gare Suzuki, Honda e Aprilia, quindi Warm-Up S2 e S1 e tutte le rimanenti gare-2 sino ad arrivare all’attesissima finale internazionale prevista per le 16,50.
 
Info Pista:
Lunghezza: 1.300 metri di parte asfaltata a cui si vanno ad aggiungere 300 metri di skysection.
Per il pubblico ci saranno a disposizione due tribune da 500 posti e un’ampia tribuna naturale, quest’ultima ai bordi dello spettacolare tratto sterrato.
 
Biglietti:
Sabato Euro 10 prezzo unico.
Domenica Euro 15 intero e 10 ridotto FMI
Ragazzi fino a 12 anni ingresso sempre gratuito.
 
Classifiche:
S2 CAMPIONATO ITALIANO: 1. Davide Gozzini (TM) punti 150; 2. Luca Minutilli (Aprilia) 122; 3. Lorenzo Mariani (TM) 109.
S1 CAMPIONATO ITALIANO: 1. Ivan Lazzarini (Honda) punti 150; 2. Christian Ravaglia (Aprilia) 115; 3. Massimo Beltrami (Aprilia) 114.
GRADUATORIA INTERNAZIONALE OPEN: 1. Davide Gozzini (TM-ITA) punti 97; 2. Ivan Lazzarini (Honda-ITA) 95; 3. Adrien Chareyre (Husqvarna-FRA) 85; 4. Thierry Van Den Bosch (TM-FRA) 83; 5. Thomas Chareyre (Husqvarna-FRA) 80.
CAMPIONATO S4: 1. Marco Animento (Kawasaki) punti 127; 2. Mauro Cucchietti (Yamaha) 108; 3. Cristiano Lupacchini (Honda) 107.
CAMPIONATO S5: 1. Mattia Martella (Ktm) punti 133; 2. Alessio Piccinato (Aprilia) 130; 3. Fabio Gazzarri (Yamaha) 102.
GRADUATORIA TROFEO HONDA: 1. Orlando Gattazzo punti 560; 2. Diego Monticelli 540; 3. Matteo Traversa 502.
GRADUATORIA TROFEO SUZUKI: 1. Simone Cecchetti punti 180; 2. Kevin Dursaptin 177; 3. Thomas Gory 174.
GRADUATORIA TROFEO APRILIA OPEN: 1. Giuseppe Di Iorio punti 100; 2. Simone Comellini 88; 3. Lorenzo Lapini 70.
GRADUATORIA TROFEO APRILIA SERIE: 1.Leonardo Draghi punti 95; 2. Emanuele Fanti 91; 3. Renzo Razzi 42.
 
var addthis_pub=”federmoto”;