Fuoristrada

Supermoto – A Latina la 2^ provadel Campionato Italiano

 Il circuito Sagittario di Latina, teatro del Sic Supermoto Day lo scorso 2 dicembre con l’invasione pacifica di migliaia di appassionati per assistere a questo evento che ha portato sulla pista pontina i big del Motomondiale, della Superbike e della Supermoto, ospiterà i prossimi 18 e 19 maggio la seconda prova del Campionato Italiano e International Supermoto.

Dopo la prova di avvio stagionale di Viterbo del 21 aprile per il tricolore e del beneventano la domenica successiva con la prima mondiale, si configura per gli appassionati della specialità una situazione indubbiamente più chiara, con Teo Monticelli (Honda-Freccia Team) che ha sorpreso tutti aggiudicandosi la prova laziale della classe S1 grazie alla vittoria di gara-1 e il terzo posto nella ripresa, mettendo in riga i favoriti. Il marchigiano non vorrà farsi sfuggire la tabella rossa sia nel campionato italiano che nel challenge internazionale, e per questo dovrà vedersela con avversari come il Ceco campione europeo Petr Vorlicek (TM-SHR Team), che a Viterbo è arrivato secondo assoluto nella graduatoria internazionale davanti al francese ex iridato Adrien Chareyre (Aprilia-Fast Wheels). In quarta posizione arriverà il pesarese campione italiano in carica Ivan Lazzarini (Honda L30 Racing), davanti al transalpino campione del mondo Thomas Chareyre (TM Factory Racing), autore di una bella vittoria in gara-2 che gli ha permesso di riscattare il pesante stop in avvio a causa dello spegnimento della moto quando si trovava al comando a poche centinaia di metri dal traguardo. Dietro, sempre in cerca di riscatto, seguono l’ordine dei migliori dieci anche l’olandese Devon Vermeulen (Ktm-Motoracing Team), il bolognese Massimo Beltrami (Honda-Lux Performance), il piemontese Paolo Gaspardone (Honda), il britannico Matthew Winstanley (TM-SHR Team) e il lodigiano Andrea Occhini (Suzuki-Team BRT).

Nella graduatoria tricolore Monticelli conduce con 45 punti su Lazzarini, Beltrami, Gaspardone, Occhini, Bartolini, Martella, Sammartin, Ravaglia e Borella. 
 
Sale l’attesa degli appassionati anche per gli altri campionati italiani, ad iniziare dalla classe S2 dove Yuri Guardalà (Honda-Team Gazza) e Diego Monticelli (Honda-Freccia Team) a Viterbo si sono divisi le prime e le seconde posizioni con il marchigiano che ne è uscito in testa grazie alla discriminante. In terza posizione arriverà a Latina il finlandese Asseri Kingelin (Honda-TDS), che precede il toscano Giulio Lorenzini (Honda-PMT Racing), il finlandese Sami Salstola (TM-SHR Team), il francese Thomas Gory (TM-Drivers Cuneo), Vladimiro Leone (Honda-SRS Racing), il varesino Marco Pezzimenti (Yamaha), Luca Brambilla (Yamaha) e Luca Ciaglia (Yamaha-LM Racing) per i top ten.
 
Nella categoria S3 è il pontino Paolo Salmaso (Ktm-Effetti Racing) il capofila in virtù di due belle vittorie parziali che lo vedono subito al comando davanti a Daniele Demetti (Honda-Us Leon) che ha finito due volte terzo a Viterbo, quindi il senese Fabio Gazzarri (Honda-Spa Racing Team), Domenico Ricchiari (Yamaha-Dream Team), Marzio Ravaioli (TM), Julien Malatino (TM-Drivers Cuneo), Enzo Ermondi (Honda-Vittorio Alfieri), Matteo Gallan (Honda-Emilio Marchi), Andrea Paoloni (TM-Motoxracing) e Matteo Medizza (Honda-Aneip Olos) per i migliori dieci.
 
Tra i giovani della categoria S4 Under 19 con moto da 250 4T è il pilota laziale Lorenzo Promutico (Honda-Cianfrocca) ad affermarsi nelle due manche finali, conducendo così la classifica provvisoria di campionato davanti a Paolo Attardo (Husqvarna-Celestino Girola), Mirko Gizzi (TM-Birba Racing), Edoardo Gente (Yamaha-Ufo Frascati), Giacomo Caruzzi (Honda-Della Superba), Ivan Chiariotti (Kawasaki-MC Pistons), Jacopo Traversi (Honda-Spa Racing Team) e Leonardo Corsani (Honda-Due Due Due) nell’ordine.
 
Anche il Trofeo Centro Sud offrirà un piacevole spettacolo mettendo sul piatto la seconda delle tre prove previste quest’anno a fianco del campionato italiano. Dopo la prima prova guida la classifica, in ragione di due belle vittorie parziali nelle manche finali, Alberto Clair (Honda-Celestino Girola), che a sua volta precede Gabriele Muzi (Honda) e Francesco Panetta (TM-Colleferro), quindi Maurizio Caso (Yamaha-Cumarikambike), Pietro Cafiero (TM-Motorsannio), Danilo Paoloni (Honda-Motoxracing), Giuliano Scafoni (TM-Colleferro), Dario Salvia (Honda-Spoleto), Michele Vari (TM-Colleferro) e Marco Micheli (Honda-Faleri Novi).