Motociclismo

Superbike a Monza: la cronaca delle due manches!





La SBK regala uno spettacolo grandioso ai 112.000 spettatori di Monza. Sfortuna per Bayliss, che rompe il motore, e Biaggi, che si frattura.  


Max Neukirchner (Suzuki) e Noriyuki Haga (Yamaha) si sono aggiudicati le due vittorie nell’Italian Round del Campionato Mondiale Superbike, che si è svolto oggi all’Autodromo di Monza. Sono state due gare splendide, piene di sorpassi e frenate al limite davanti a una straordinaria platea di 112.000 spettatori.Gara 1 La prima vittoria per un pilota tedesco nella storia del Mondiale Superbike l’ha conquistata Neukirchner al termine di una volata mozzafiato con Haga, battuto per meno di sei centesimi. Sul terzo gradino del podio è salito il leader del mondiale Troy Bayliss (Ducati) che ha contenuto nel finale il disperato attacco di Yukio Kagayama (Suzuki), quarto nonostante parecchi dritti. Torna protagonista Max Biaggi (Ducati), che ha concluso quinto al termine di una gara sui ritmi dei migliori. La prima Honda al traguardo è stata quella guidata da Ryuichi Kiyonari sesto, davanti a Fonsi Nieto (Suzuki) e Carlos Checa (Honda), che ha pagato un’imbarcata al via dopo un contatto con Nieto, che lo ha retrocesso in fondo al gruppo, costringendola ad una affannosa rimonta. Decimo posto per Michel Fabrizio (Ducati), che ha risentito di un po’ di fatica al braccio destro operato una decina di giorni fa.Gara 2 Pronta rivincita di Haga nei confronti di Neukirchner, battuto in una volata a tre sotto la bandiera a scacchi. Ancora più esigua la distanza al photofinish, nove millesimi di secondo, il quinto arrivo più ravvicinato nella storia della Superbike. Ma i due grandi protagonisti della giornata hanno rischiato di farsi beffare da uno straordinario Ryuichi Kiyonari (Honda) che si era presentato davanti alla staccata della Parabolica. Quarto posto per Fonsi Nieto (Suzuki), autore di una prova convincente. Così come quella di Michel Fabrizio (Ducati), quinto al traguardo dopo una bella rimonta e prima Ducati al traguardo davanti ad un ottimo Karl Muggeridge (Honda) ed a Ruben Xaus (Ducati). Un guasto tecnico ha fermato Troy Bayliss (Ducati) mentre era terzo. Fuori anche Carlos Checa (Honda) e Max Biaggi (Ducati), dopo un contatto con Jakub Smrz (Ducati), in cui lo sfortunato romano ha riportato la sospetta frattura al mignolo e una ferita all’anulare della mano sinistra.

Continuate a seguirci. Saltate su!