Speedway – Uno svedese vince a Terenzano

Sabato 11 agosto la pista friulana del Moto Club Olimpia di Terenzano ha ospitato il Gran Premio d’Italia di Speedway che ha visto salire sul gradino più alto il pilota di origine brasiliana, ma svedese a tutti gli effetti, Antonio Lindback. È stata una gara molto equilibrata con almeno cinque piloti che potevano vincere visti i punteggi conseguiti dopo le venti manche di qualificazione con il russo Sayfutdinov in prima posizione seguito dallo slovacco Vakulic, dal capo classifica Hancock e dall’australiano Crump.

I primi otto classificati dopo le manche di qualificazione sono entrati nelle semifinali e nella prima Sayfutdinov ha avuto la meglio su Lindback ed erano esclusi il danese Nicki Pedersen e Crump. Nella seconda semifinale vittoria del sempre più sorprendente Vakulic nei confronti di Hancock ed eliminazione di Holder e dello svedese Jonsson. Finale a quattro ripetuta per la spettacolare e per fortuna incruenta caduta di Vakulic in prima curva con Sayfutdinov in prima posizione. Nella ripetizione a tre era ancora Sayfutdinov a partire bene e con lui anche Lindback, con lo svedese che riusciva in uscita di curva a prendere la testa e tenerla sino alla fine nonostante i reiterati attacchi di Sayfutdinov, mentre Hancock manteneva la sicura terza posizione. Lindback è il settimo pilota a salire sul gradino più alto del podio in otto GP disputati a conferma dell’equilibrio tecnico che esiste in questo mondiale. Con il terzo posto Hancock rafforza la sua leadership portando a 10 i punti di vantaggio su Nicki Pedersen e 14 su Crump con ancora 4 GP da disputare.

Ha partecipato a questo GP come wild card l’oriundo argentino Nicolas Covatti, che ha gareggiato da vero protagonista, riuscendo a tenere il passo di questi super campioni, bravo Nico.

 

Iscriviti alla newsletter FMI

Per essere sempre aggiornato su tutte le attività FMI