Fuoristrada

Semifinale mondiale Speedway. A Terenzano vince Cook

Grande atmosfera nella pista di Terenzano che ha ospitato sabato 17 giugno  la seconda semifinale mondiale, valida per l’accesso al Grand Prix Challenge. Gara tiratissima davanti a millecinquecento spettatori, un buon successo di pubblico che ha assistito ad avvincenti duelli nell’arco delle venti batterie di qualifica e nei due spareggi che hanno sancito terzo e settimo posto, andati a Zagar e Dudek. Vince Craig Cook, che bissa il successo di Lonigo nel quarto di finale, davanti al ceco Milik e allo sloveno Zagar. Per l’Italia al via Guglielmo Franchetti, l’azzurro designato come wild card aveva un compito proibitivo già alla vigilia, contro avversari di fama mondiale: centrare uno dei sette posti utili al passaggio del turno. La strada per il tre volte campione italiano si è messa subito in salita sin dalle prove del pomeriggio, quando il motore della prima moto ha avuto una rottura, costringendo il pilota berico a ripiegare sul secondo mezzo. Palese il disappunto di Franchetti pochi istanti prima di entrare in pista: “Mentre stavamo scaldando la moto, in preparazione delle prove, abbiamo sentito che qualcosa non andava e abbiamo realizzato della rottura di un componente del motore. Non ci voleva proprio, avrò uno svantaggio in più, parto con la seconda moto e farò del mio meglio per non sfigurare.” Nelle cinque uscite, nessun punto conquistato per Franchetti, in evidente difficoltà con il mezzo di riserva che non ha garantito lo sprint desiderato in partenza e lo spunto richiesto nei tentativi di recupero contro avversari che non hanno concesso errori e distrazioni. Paco Castagna, prima riserva di gara, ha fatto il suo unico ingresso in pista alla batteria quattro, in sostituzione del capoclassifica del mondiale Patryk Dudek, escluso dalla manche per aver toccato il nastro di partenza. Dalla prima corsia, Castagna affiancava Milik, Gappmaier e Franchetti, in un derby dalle tinte azzurre. Parte bene Castagna appena dietro a Milik, con Franchetti dietro a Gappmaier. Due giri in testa per il pilota del Moto Club Olimpia, prima di subire l’attacco decisivo del ceco al terzo giro, che vince la batteria. Applausi meritati per Castagna, che si complimenta con Milik e ringrazia pubblico. Gloria anche per la seconda riserva, Daniele Tessari, che guadagna un punto alla batteria diciassette, chiamato a sostituire l’infortunato Laguta.

Classifica di gara: 1-Craig Cook punti 13; 2-Vaclav Milik 12; 3-Matej Zagar 10+3; 4-Przemyslaw Pawlicki 10+2; 5-Peter Kildemand 9; 6-Max Fricke 9; 7-Patryk Dudek 8+3; 8-Michael Jepsen Jensen 8+2; 9-Linus Sundstrom 7; 10-Kevin Wolbert 7; 11-Jurica Pavlic 7; 12-Grigorii Laguta 6; 13-Pontus Aspgren 5; 14-Daniel Gappmaier 5; 15-Michele Paco Castagna 2; 16-Matej Kus 1; 17-Daniele Tessari 1; 18-Guglielmo Franchetti 0.