Fuoristrada

S.A.E . – Doppio appuntamento nel piacentino

Mercoledì 30 maggio lezione nell’Istituto Tecnico A.Tramello e domenica 03 giugno in centro cittadino per la Festa dello Sport. La scuola di enduro non conosce pausa, solo successi e consensi.


 


La Scuola di Avviamento Enduro torna a scuola. Può sembrare un gioco di parole ed invece vuol semplicemente far tornare alla mente lo stage speciale tenuto l’anno scorso presso l’Istituto Tecnico Commerciale per Geometri “Alessio Tramello” di Piacenza e ripetuto mercoledì 30 maggio, sempre rigorosamente in orario scolastico. Un successo che il dinamico docente Carlo Omati ha voluto replicare inserendo  nuovamente il progetto S.A.E. nel suo piano didattico incassando ancora un “tutto esaurito” come da pronostici, con oltre 1000 ragazzi giunti durante l’intervallo dai confinanti istituti Alberghiero e Agraria assiepati a bordo fettuccia, divertiti nel vedere le esibizioni e contagiati dall’atmosfera a tal punto da non voler più rientrare nelle rispettive aule. Decisamente macchinosa anche la selezione fra le innumerevoli richieste di partecipazioni. Delle oltre 100 adesioni, per questioni di tempi e mezzi, solo in 25 allievi hanno avuto la fortuna di saggiare le HM Moto messe gentilmente a disposizione dalla casa di Introbio (LC) e appurare le nozioni ed i consigli del tecnico federale Alessandro Comotti, alternando lezioni teoriche alle più entusiasmanti lezioni in sella. A conferma del valore dell’iniziativa hanno presenziato il vicepresidente della F.M.I e presidente del Settore Tecnico Federale Fabio Larceri ed il Delegato Provinciale F.M.I di Piacenza Barbara Bergonzi, oltre al preside della scuola, che dopo una comprensibile agitazione iniziale si è “rilassato”, elogiando l’iniziativa e l’impegno della F.M.I.    L’enduro una materia scolastica? E perché no. Il responsabile federale di settore Nico Bignami ed il professore Omati stanno già lavorando sulla base di questa eccellente seconda edizione, ponendosi come prossimo intento quello di proporre ad un più largo raggio l’iniziativa, riuscendo così a coinvolgere più istituti. Volere è potere!


Dalla lezione a scuola alla Festa dello Sport. Sempre il comune di Piacenza a fare da cornice, questa volta in seno ad una manifestazione organizzata dal Comitato Provinciale C.O.N.I. di Piacenza dal tema “Lo Sport per Tutti”. Una prima partecipazione da record per S.A.E. che si riconferma special guest tra i tantissimi sport presenti quali il basket, tiro con l’arco, il pattinaggio, ecc. Ad attirare l’attenzione ed i consensi soprattutto dai genitori, la preparata struttura S.A.E e la sua indiscutibile professionalità grazie ai due istruttori di guida Alessandro Comotti e per l’occasione Angelo Signorelli pluricampione della specialità, spalleggiati dal servile preparatore atletico Valentino Saccardo che sono riusciti a mettere in sella 83 giovanissimi mantenendo la linea seguita dal direttivo S.A.E. ossia non di semplice giretto in moto, ma un vero minicorso dalla durata di oltre 30 minuti fino ad un’ora e comprendente un riscaldamento muscolare, nozioni sulle protezioni e sui fondamentali di guida con continui interventi di correzione durante l’esercitazione pratica. Le abbondanti piogge hanno causato il repentino trasloco del campo scuola S.A.E. inizialmente riservato sui prati limitrofi ma inzuppati d’acqua, a ridosso delle mura della città, immediatamente sul Viale del pubblico passeggio. Lo staff non si è perso d’animo recuperando un buon quantitativo di birilli e riuscendo ad allestire due fettucciati sull’asfalto, uno semplice per i “primi passi” ed uno più lungo e tecnico con la presenza di figure di guida quali slalom e prova di frenata che hanno ottimamente sostituito gli ostacoli naturali, caregge fangose, curve con appoggio e secche.


Da segnalare la presenza di tre piloti del m.c. Valluretta Marco Favari, Luca Manzoni ed Alessandro Razza che partecipano al campionato minienduro e che si sono prestati volentieri al ruolo di richiamo per gli altri bambini, dando dimostrazione dello loro doti di guida sui due tracciati approntati e facendo da traino per i meno esperti.


Felicità alle stelle per i giovani minipiloti alcuni dei quali veramente dotati e che sono stati prontamente osservati e contattati dai responsabili dei moto club locali attivi nel minienduro, che attraverso il movimento scaturito da questi stage riescono ad individuare giovani piloti con buone attitudini da far maturare ed inserire successivamente nei campionati. E poi come spesso accade l’entusiasmo e l’atmosfera S.A.E. coinvolge a tal punto i genitori che chi può cerca di contribuire, come il titolare della Pizzeria “Il Veliero” che dopo aver portato il figlio alla lezione ha voluto ringraziare lo staff offrendo loro una gustosa ed apprezzata “pizzata”.