Fuoristrada

Quadcross e Sidecarcross. Assegnati i titoli 2016

Non è mancato proprio nulla all’ultima gara del Campionato Italiano Quadcross e Sidecarcross: spettacolo, duelli e colpi di scena hanno caratterizzato tutte le categorie. Prima fra tutte la Elite, la classe regina. Dopo la vittoria di Gara 1 da parte di Andrea Jr. Cesari su Simone Mastronardi, i due sono arrivati allo start della seconda heat separati da 17 punti a vantaggio del primo; Mastronardi ha così attaccato, andando fortissimo per giocarsi al meglio tutte le carte. Peccato che sia stato tradito dall’assale che, spezzatosi, ha causato la perdita della ruota. Il titolo è andato così a Cesari che ha vinto gara e titolo, in quest’ultimo caso a Simone Mastronardi e Amerigo Ventura.

Nella Sport, dopo una battaglia durata tutta la stagione, è stato Fabio Marchionni a portarsi a casa il titolo. Arrivato a Ottobiano in seconda posizione con nove punti di ritardo da Mattia Ioli, ha ribaltato la situazione con manche convincenti, al contrario del suo avversario rimasto fuori dal podio di giornata. La vittoria definitiva è andata così proprio a Marchionni su Ioli con Marco Barbagli terzo.

Il colpo di scena più clamoroso si è avuto nella Veteran dove Davide Gigli ha vinto il titolo con tre punti di vantaggio su Alessandro Fontanazzi. Alla vigilia della gara i due erano arrivati a Ottobiano con la bellezza di 22 punti di differenza, con l’emiliano primo praticamente da inizio stagione; la fortuna però gli ha voltato le spalle. In Gara 1 quando Fontanazzi , già in vantaggio è stato disarcionato dal quad a causa di un atterraggio sbagliato sul panettone di arrivo. Recuperato il Quad, ha chiuso secondo alle spalle di Gigli. Prima l’ultima manche dell’anno Fontanazzi contava 183 punti contro i 168 di Gigli, ma mentre Grola e Gigli partivano subito a testa bassa, Fontanazzi rimontava portandosi in testa fino a che il suo quad non si fermava. Riusciva a farlo ripartire e tentava di arrivare al traguardi, seppur lentamente al traguardo, ma il suo prototipo Suzuki aveva deciso di arrendersi, così lo lasciava a piedi togliendogli la soddisfazione di vincere un titolo italiano. Gara 2 la vinceva Grola e sul podio di giornata salivano Gigli, Grola e Giuseppe Donati, con la classifica di campionato che con 186 punti eleggeva il toscano primo, davanti a Fontanazzi e Cristian Pinoli, assente all’ultima gara.

Paolo Galizzi si era già aggiudicato il titolo JF250 nel penultimo round, ma a Ottobiano avrebbe voluto siglare 12 vittorie in altrettante manche. Impresa non riuscita a causa di un guasto meccanico. La vittoria di giornata è andata a Mattia Venturini. Nel Trofeo Nord – che si concluderà a Capo di Ponte (BS) a metà ottobre – vittoria di giornata a Leonardo Arzanti con Marco Sabbadini ancora leader della generale.

Nell’Italiano Sidecarcross i campioni italiani sono in un certo senso tre perché, seppure domenica sul WSP Zabel ci fossero Zeno Compalati e Lemuel Ravera, il grosso della stagione Zeno l’ha vissuto e condiviso con Matteo Piana – sul podio anche lui – purtroppo infortunato e bloccato dai medici a livello agonistico. Sul podio di campionato sono saliti i tre equipaggi che rappresenteranno l’Italia con la Maglia Azzurra al Quadcross/Sidecarcross delle nazioni del 9 ottobre a Gueugnon, in Francia: Compalati-Ravera, Pozzi Ceresa, vincitori nella prova di Ottobiano, e secondi di campionato e Maurizio Mattoni con Giada Corsini, terzi ieri a Ottobiano, terzi in campionato. Hotmar Pozzi e Marco Ceresa ce l’hanno messa tutta quest’anno, ma due zeri a Città di Castello e a Cingoli hanno pesato a fine stagione nonostante le ultime due vittorie assolute a Odolo e Ottobiano appunto.