Motociclismo

Protocollo d’intesa tra la FMIe ANCI/Città dei Motori

Sicurezza stradale per i più giovani; mototurismo per promuovere i territori;  iniziative di tutela dei marchi “Made in Italy” – Questi i punti qualificanti dell’accordo firmato oggi a Roma tra Città dei Motori-Anci e Federazione Motociclistica Italiana

Attività di formazione e informazione sulla sicurezza stradale rivolte alle comunità locali e soprattutto alle scuole; azioni di promozione e valorizzazione del territorio attraverso il  mototurismo. Sono alcuni dei punti del Protocollo d’Intesa che Città dei Motori ed FMI, Federazione Motociclistica Italiana, hanno sottoscritto oggi a Roma nella sede dell’ANCI, Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

Il protocollo, di durata triennale, prevede l’avvio di attività congiunte di comunicazione e interscambio informativo. Tra le finalità di CdM e FMI sono fondamentali:

– la sicurezza stradale, attraverso iniziative rivolte alle scuole, per promuovere i temi generali della cultura della responsabilità, della convivenza civile sulle strade e della sicurezza;

– il mototurismo, grazie ad un progetto organico finalizzato a promuovere il turismo su due ruote, coniugato alla fruizione del patrimonio paesaggistico, storico e culturale locale, con attenzione particolare alla storicità dei luoghi;

– la valorizzazione e tutela del patrimonio motociclistico italiano, con riguardo ai marchi nazionali, attraverso iniziative come convegni, mostre, raduni e manifestazioni sia a carattere storico che sportivo.

“L’accordo con FMI – sottolinea il presidente CdM, Riccardo Mariani – è molto importante ed è frutto di un dialogo che va avanti da mesi, già tempo fa a Roma ci fu incontro molto intenso e produttivo che poi si è rivelato propedeutico al protocollo. Si tratta di un’alleanza strategica sul settore motoristico con temi legati alla sicurezza stradale e alla promozione territoriale, con le diverse sottocategorie, da sviluppare. D’altronde Città dei Motori e FMI – evidenza ancora il presidente Cdm – si occupano, attraverso angolature diverse, degli stessi temi e hanno a cuore i medesimi obiettivi: la promozione territoriale, la valorizzazione dell’eccellenza motoristica italiana e la sicurezza stradale. Sono sicuro che la collaborazione si rivelerà proficua e interessante”, conclude Mariani.

“Lavorare in sinergia con ANCI Città dei motori – ha dichiarato il presidente FMI Paolo Sesti – è un obiettivo importante per la Federazione Motociclistica Italiana, da tempo impegnata sui temi dell’educazione stradale. Questo Protocollo d’Intesa è un nuovo punto di partenza per un approccio sistematico alla sicurezza dei motociclisti sulla strada, ma anche allo sviluppo del turismo in moto e alla tutela dei mezzi storici che, sono convinto, porterà alla realizzazione concreta di progetti molto interessanti”.