FMI

Progetto Refresh. Conclusi i primi due corsi

Successo per gli eventi dell'8 e 9 ottobre a Monza

Milano, 19 ottobre 2015 – L’8 e 9 ottobre si è tenuto all’interno del paddock dell’Autodromo di Monza il primo appuntamento del progetto Refresh dedicato ai motociclisti e finalizzato al miglioramento della sicurezza alla guida. Sviluppato da Confindustria Ancma e dal Dipartimento Educazione Stradale della Federazione Motociclistica Italiana, il progetto di guida sicura, nato nell’ambito della collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è indirizzato a quei motociclisti che, dopo molti anni, vogliono ritornare a guidare un motociclo e a chi, pur in possesso di idonea patente, vuole aumentare le proprie conoscenze per condurre un motociclo in sicurezza.

Grazie al contributo tecnico delle aziende associate ANCMA, i 28 partecipanti  hanno indossato abbigliamento protettivo e usato un motociclo adeguato al tipo di patente posseduta. Notevole l’interesse suscitato da questa proposta, che in pochi giorni ha raccolto moltissime adesioni, ben oltre il numero massimo stabilito. Ciascuna delle due giornate, che ha visto la presenza dei formatori della Federazione Motociclistica Italiana, si è articolata in un momento teorico dedicato agli aspetti psicologici che governano una condotta più o meno sicura del motociclo, alla percezione del rischio reale, alla conoscenza di tutte le più recenti soluzioni relative alla sicurezza passiva, al setting e alla corretta manutenzione del veicolo.

Per quanto concerne la parte pratica, tutti gli esercizi proposti (slalom simmetrico e asimmetrico, evitamento di un ostacolo improvviso, rallentamento, frenata, frenata di emergenza con e senza ABS, traiettorie di sicurezza e angoli di visibilità attiva) hanno seguito un percorso di progressiva difficoltà che ha permesso ai partecipanti una crescita tecnica significativa, pur lavorando in massima sicurezza.

La giornata si è conclusa con la consegna di un attestato di partecipazione. Un ringraziamento all’Autodromo di Monza che ha fornito i propri spazi per l’effettuazione del corso, mostrando una grande sensibilità ai temi della sicurezza stradale.