FMI

Progetto “Enduro Italia” a L’Aquila

Proseguono gli incontri sul territorio

Proseguono gli incontri sul territorio del progetto “Enduro Italia” che vede la collaborazione della FMI e del Corpo Forestale dello Stato. Dopo le prime due riunioni di Milano e Pistoia, sabato 25 giungo si è svolta un’altra tavola rotonda a L’Aquila, all’interno del Palazzo Fibbioni. Così come il primo, anche quest’incontro si è svolto nell’ottica di continuità del Protocollo d’intesa tra la FMI ed il Corpo Forestale dello Stato per sensibilizzare i praticanti dell’attività fuoristrada sul corretto utilizzo del territorio, cercando di avvicinare il mondo dello Sport alle Istituzioni e agli organi preposti al controllo.

Durante l’incontro, oltre alla presenza di Giovanni Copioli (Vice Presidente FMI), Elvio Fortuna (Presidente Co. Re. Abruzzo), Lorenzo Berardinetti (Presidente Commissione Agricoltura, Ambiente e Turismo – Componente Commissione Territorio e Ambiente Regione Abruzzo) e Massimiliano Marifiamma (Presidente Moto Club Motociclisti Aquilani), sono intervenuti anche Tony Mori (Coordinatore Dip.to Politiche Istituzionali FMI) in riferimento al tema “Sport e Territorio, binomio vincente se condiviso nel rispetto delle regole”, Claudio D’Amico (Corpo Forestale dello Stato) riguardo al “Il ruolo della Polizia Ambientale ed il significato del Protocollo d’intesa”, Tommaso Navarra (Presidente del Parco del Gran Sasso e Monti della Laga), Guido di Persio Marganella (Sindaco di Corvara) e Lorenzo Mucci (Sindaco di Nocciano)

Diversi gli argomenti trattati dai presenti, a cominciare dalla sensibilizzazione degli organizzatori e di tutti i presenti sulla necessità del rispetto delle regole e del territorio oltre a quella di istruire nella maniera più corretta le richieste di autorizzazione per le manifestazioni, presentandole per tempo e previo consulto con il CFS, che ha confermato piena disponibilità e apertura al dialogo da parte di tutte le stazioni territoriali. A tal proposito Tony Mori ha annunciato che è stato formato un Ufficio Comunicazione congiunto tra CFS ed FMI che permetterà di informare gli Uffici (CFS-FMI) presenti sul territorio in merito al Protocollo d’intesa e a tutte le iniziative che la Federazione e il Corpo Forestale stanno portando avanti.

Si è affrontato anche il tema del Mototurismo che vede la percorrenza di motociclisti su passi di montagna, spesso in violazione al codice della strada, mettendo in pericolo la propria incolumità e quella altrui. E’ stato richiesto a tutti i Moto Club di segnalare agli organi competenti ogni informazione utile a contrastare gli illeciti sia su strade asfaltate che fuoristrada. Il nuovo Presidente del Parco del Gran Sasso e Monti della Laga – Avv. Tommaso Navara, ha comunicato poi la sua disponibilità a rendere il Parco sempre più fruibile per tutti nel pieno rispetto delle norme, informando a tal proposito che è sua intenzione riuscire ad approvare a breve il Piano del Parco fermo da molti anni.
Proseguendo nell’incontro, Lorenzo Berardinetti – Componente Commissione Territorio e Ambiente Regione Abruzzo, ha assicurato la massima attenzione e disponibilità da parte della Regione e della Commissione competente, chiedendo lo scambio di contatti con Tony Mori a dimostrazione della volontà di intraprendere un percorso comune. Parlando sempre di impegni congiunti, è stato illustrato il progetto portato avanti da FMI CFS e Misericordie nell’istituzione di un Gruppo di Motociclisti impegnati in Protezione Civile. A breve partirà infatti il primo corso sperimentale che si terrà in Regione Toscana, mentre nei prossimi mesi il progetto sarà esteso anche a tutte le altre Regioni.

In conclusione, il Dipartimento Politiche Istituzionali FMI ha confermato il continuo impegno nella risoluzione del problema della Targa Sostitutiva, informando i presenti del fatto che si stanno percorrendo tutte le strade possibili per arrivare alla possibilità di impiegare la targa sostitutiva nel corso di competizioni offroad. Al termine dell’incontro, il Vice Presidente Copioli ha consegnato una targa al Presidente del Parco del Gran Sasso e al Comandante CFS D’Amico per la proficua collaborazione.