Fuoristrada

Presentazione comprensorio trialistico Valli de Canavese

Lunedì 7 maggio a Cuorgnè (To) nel Centro Multimediale della ex-Chiesa della S.S. Trinità tre Sindaci del comprensorio di 16 comuni interessati dal percorso Trial & Motoalpinismo hanno presentato ad una folta platea le peculiarità derivanti dalla gestione del territorio effettuata dai soci del Trial Team Valli del Canavese.
Presenti alla Conferenza stampa il Presidente Federmoto Paolo Sesti, il Consigliere Federale Alberto Traverso, il Coordinatore CNF Marco Marcellino con l’esperto del settore Giulio Romei, la dirigenza sportiva e tecnica del Trial FMI Giulio Mauri e Andrea Buschi , oltre a vari esponenti del Consiglio Regionale Piemonte quali Roberto De Magistris, Davide Gariglio,Roberto Tentoni,  gradita la presenza del Presidente uscente del Cai Piemonte Gino Geminatti.
La scaletta degli interventi è stata estremamente interessante ed innovativa, poiché, al contrario del solito, sono stati i Sindaci a presentare il Trial, a descrivere che cosa hanno apprezzato dall’esperienza con gli “scoiattoli” del Trial Team del Canavese.
Dopo i saluti di rito del Presidente del Moto Club Vanni Crisapulli, il Sindaco di Cuorgnè Giuseppe Pezzetto ha aperto la conferenza illustrando in dettaglio la valenza turistico-sportiva di questa realtà voluta dallo storico sodalizio, che già 30 anni fa ha saputo regalare al Municipio una prova di Campionato del Mondo.    
Il Sindaco di Alpette Silvio Varetto,  ha poi spiegato i dettami e le modalità del ‘Trial Sociocompatibile’, capace di armonizzare l’attività degli appassionati con le giuste aspettative ed esigenze dei residenti.
Il Sindaco di Borgiallo Mirko Roletto ha infine evidenziato l’aspetto solidale e di utilità dei trialisti che, in sinergia con le amministrazioni collaborano alle iniziative locali e offrono il prezioso lavoro di riapertura, ripristino e manutenzione di tanti sentieri altrimenti destinati all’oblio.
E’ emerso, in particolare, dalle loro parole l’entusiamo di aver scoperto una nuova opportunità, una risorsa nella passione dei motoalpinisti che presidiano, gestiscono e tutelano il territorio nella piena sostenibilità ambientale e sociale, con un impegno in questo ultimo campo veramente unico nei confronti di Fabullo un bimbo, colpito da ictus all’età tre anni, che è stato accolto nel Trial Team e si accende di felicità quando viene portato sul side-trial. 
Soddisfazione espressa anche dagli esponenti del Consiglio Regionale Piemontese che si sono resi protagonisti delle ultime modifiche della Legge  Regionale allo scopo di favorire l’emersione di situazioni positive come quelle del Canavese.
Il Presidente della FMI Paolo Sesti ha apprezzato l’esperienza ed ha portato alla conoscenza dei presenti i lavori in corso con il Corpo Forestale dello Stato per giungere ad un protocollo di intesa finalizzato a gestire la circolazione fuoristrada nel pieno rispetto dell’ambiente, lavori che stanno cercando di favorire il connubio che si crea tra i volontari dei Moto Club e le pubbliche amministrazioni quando c’è collaborazione tra di loro. 
In particolare è importante diffondere la conoscenza di realtà positive come quelle del Canavese, affinché i legislatori siano consapevoli che anche le moto, in determinate condizioni, sono una effettiva risorsa per il territorio. 
L’esponente del Cai Piemonte, Gino Geminatti, pur vedendo farevolmente l’esperienza del Canavese, ha espresso forti perplessità sull’apertura dei sentieri al transito motociclistico manifestando la preoccupazione che il comprensorio sia interessato anche dalla circolazione di moto da Enduro, auspicando pertanto che sia segnalato chiaramente l’apertura dei tracciati solo alle moto da Trial; il Presidente Sesti ha spiegato che la FMI ha ben presente i diversi livelli di compatibilità con il territorio delle due specialità e lavora per la diversificazione dei tracciati. 
Ha concluso la serata la presentazione dei campioni di ieri Renato Chiaberto, Albino Teobaldi e di oggi, Andrea Vaccaretti,  ed il ricordo di Aldo Colombatto, il primo Presidente del Trial Team, che iniziò il lavoro organizzato nel Canavese con un occhio molto attento all’impatto ambientale già 30 anni fa.   
A riprova della compatibilità fra Trial ed ambiente il Trial Team Valli del Canavese  invita tutti a Ceresole Reale il 3 giugno, sede della terza prova di Campionato Regionale e prima Juniores, lo slogan della giornata sarà:”ad un passo dal Paradiso!”
Le immagini della serata possono essere scaricate da: https://www.facebook.com/media/set/?set=oa.353156151399842&type=1