Promozione

Piccolissime Ruote Crescono a Pandino

“Piccole Ruote Crescono” ha come obiettivo quello di sensibilizzare i più giovani alle norme che regolano l’ambiente stradale secondo i principi della convivenza civile.

I Formatori della Federazione Motociclistica Italiana, in collaborazione col Moto Club Pandino, hanno fornito le basi cognitive necessarie per affrontare con maggiore consapevolezza l’ambiente stradale per 3 stages di lezioni con più di 100 alunni della scuola dell’infanzia di Pandino (CR): pulcini (3/4 anni), scoiattoli (4/5 anni) e giraffe (5/6 anni).

L’ appuntamento si è articolato in più momenti: il Formatore di Educazione stradale FMI, Luigi Raimondi, ha illustrato ai bambini i principali segnali stradali, i comportamenti corretti da tenere in strada, le caratteristiche dell’abbigliamento per favorire la visibilità del ciclista, le protezioni passive e il corretto uso del casco. Sul percorso didattico che riproduce l’ambiente stradale con segnaletica verticale e orizzontale il Formatore di Educaione stradale FMI, Paolo Bezza, ha accompagnato i bambini a piedi per conoscere i segnali stradali e le regole.

Attraverso giochi e dibattiti, i bambini sono stati coinvolti in lezioni educative e ludiche sul tema della sicurezza stradale finalizzate a:
• Rendere il bambino maggiormente consapevole dell’ambiente stradale in cui si muove;
• Illustrare in modo semplice ed efficace i dettami e le norme della vita associata riferite alla strada;
• Sensibilizzare i piccoli sulla percezione delle potenziali situazioni di pericolo;
• Sensibilizzare i bambini sui comportamenti corretti da assumere in qualità di pedoni, ciclisti o passeggeri di auto e moto, considerato il crescente utilizzo, da parte dei genitori, di motoveicoli e di scooter per trasportare i bambini nei percorsi casa-scuola.

I bambini più grandi hanno sperimentato in bicicletta il percorso didattico appositamente allestito nel patio della scuola a causa della primaverile pioviggine. Entusiasti i bambini, i genitori e le insegnanti.

“Nel corso della manifestazione sono stati forniti ai piccolissimi utenti della strada gli strumenti necessari per sviluppare una corretta percezione del pericolo, al fine di sensibilizzarli al valore della vita e al rispetto delle regole che aiutano a preservarla – dice il Prof. Rinaldo Batelli, Referente regionale di Educazione stradale della Federazione Motociclistica Italiana per la Lombardia – Il Progetto mira a sviluppare sin da piccoli una cultura della sicurezza intesa come cultura di rispetto delle regole della strada, della vita propria e altrui”.