Pharaonas Rally – L’Italia vince la sfida tra le Nazioni

Il Pharaons International Cross Country Rally appena concluso non è stata solo una gara di alto livello organizzativo, di elevata partecipazione e di contenuti sportivi altrettanto importanti. Un caratteristica peculiare l’ha differenziata ulteriormente nel panorama dei Rally internazionali: la Sfida tra Nazioni.


 


Il progetto è nato del dicembre 2007 e il mese successivo è stato sottoposto alla FIM che a marzo l’ha accettata come  una “classifica riservata alle nazioni” ricavata dai risultati di tre piloti migliori di ogni paese presente con una riserva.


 


L’intento è di creare con il tempo un challenge che vada ad interessare le varie federezioni allo stesso modo di quanto avviene nelle altre discipline, come enduro, motocross e supermotard. E’ un progetto non facile, i rally africani hanno caratteristiche molto diverse, ma le basi sono state poste e il progetto continua.


Il premio messo in palio per questa prima edizione era una piramide in ottone alta 25 centimetri, assegnato alla federazione vincitrice che lo rimetterà in palio l’anno successivo.


 


Ma chi ha vinto quest’anno la Sfida tra Nazioni al Pharaons Rally? Contro ogni pronostico è stata proprio l’Italia! Grazie alla squadra composta da Alex Zanotti, Luca Manca, Oscar Polli e Paolo Ceci e alle loro splendide gesta nel deserto egiziano, la nostra Federazione è la prima a fregiarsi di un alloro che si spera diventi nell’immediato futuro un premio molto ambito.


 


La vittoria italiana assume un significato ancora più grande, visto che la squadra era composta da tre giovani (nel mondo dei rally, dove si raggiunge la maturità agonistica attorno ai 40 anni, un pilota trentenne è considerato giovane) e da un pilota dell’esperienza di Oscar Polli.


 


Non solo è stato un grande risultato per la Federazione Motociclistica Italiana, ma anche per la nostra industria, visto che tre delle quattro moto portate in gara dalla squadra erano italiane. Due Aprilia e una TM, moto entrambe debuttanti al Pharaons Rally e che fin da subito hanno lanciato una sfida importante a KTM, da anni “monopolista” nei rally africani.

Iscriviti alla newsletter FMI

Per essere sempre aggiornato su tutte le attività FMI