Fuoristrada

MXGP Arco. Le qualifiche

Pole di Gajser e Ferrandis in MXGP e MX2. Cairoli 3° nella classe regina, bene gli italiani nella categoria cadetta

Primo Gran Premio del Mondiale Motocross in Italia. Oggi ad Arco di Trento sono andate in scena le gare di qualifica in vista delle attese manche di domani.

Gajser conferma il suo ottimo stato di forma, andando a vincere una qualifica che lo ha visto comandare dal primo all’ultimo giro. In realtà di duelli ai vertici non se ne sono visti, infatti Nagl (secondo) ha tenuto la posizione dall’inizio alla fine mentre Cairoli si è assicurato la terza piazza già al secondo giro con il sorpasso su Bobryshev. Il russo e Strijbos hanno chiuso la top 5. Gli altri italiani: Marco Maddii 17°, David Philippaerts 18°, Alessandro Lupino 21°, Nicola Recchia 24°, Stefano Pezzuto 26°, Riccardo Righi 29°, Pier Filippo Bertuzzo 30°, il sammarinese Thomas Marini 33°. Costretto al ritiro Samuel Zeni.

In MX2 non sarà Jeffrey Herlings a scegliere per primo il cancelletto, ma il francese Dylan Ferrandis che, come Gajser, è sempre stato in testa. Seewer ed Herlings hanno chiuso alle sue spalle e davanti a Jonass e Tonkov. Bene gli italiani, in particolare Samuele Bernardini – sesto – e Michele Cervellin, ottavo. Molto bene anche Furlotti, decimo. 19° Tropepe, 22° un Monticelli non al top della condizione, 26° Zecchina, 32° Bonini, ritirato De Bortoli.

Ad Arco si sono corse anche le prime gare del fine settimana dell’Europeo 125 e 250. Nella ottavo di litro Facchetti ha chiuso terzo dietro a Jago Geerts (tre vittorie su tre heat per lui) e Stephen Rubini. Bravo anche Yuri Quarti, ottavo, mentre nella top 20 è arrivato anche Mattia Guadagnini (16°). Fuori dalla top 20 Mario Tamai, il sammarinese Andrea Zanotti, Paolo Lugana, Gabriele Oteri, Emilio Scuteri e Thomas Marini. Nell’Europeo 250, vittoria al danese Thomas Kjer Olsen con Alberto Forato buon 14° mentre Luca Moroni, Morgan Lesiardo, Tommaso Isdraele, Nicola Bertuzzi e Davide Cislaghi sono stati più sfortunati.