Fuoristrada

MX Junior a Cingoli

Nel weekend la 2° delle 3 finali

Dopo Castellarano si va a Cingoli. Sarà lo storico tracciato marchigiano ad ospitare questo weekend la seconda finale dell’italiano MX Junior, prima del gran finale di Ottobiano previsto per il prossimo 20 settembre.

Nella 125 il primo protagonista si chiama Filippo Zonta (KTM) che esce vincitore con merito dalla prima prova, ma Davide Cislaghi (TM) e Paolo Ricciutelli (KTM Pardi) hanno dimostrato di essere entrambi veloci e in grande forma. Ricciutelli poi avrà a disposizione un tracciato “amico”, è dunque da temere, forse, particolarmente. Morgan Lesiardo (TM MX FMI Junior Team) è stato davvero sfortunato e sa di avere l’occasione del riscatto. Mentre l’esordiente Paolo Lugana (KTM Evo+ XOffroad Junior Team) non ha niente da dimostrare, può solo migliorare la sua già buona prestazione.

Nella 85 Senior c’è stato un netto vincitore: Emilio Scuteri (KTM Wyss Motosport). Il giovane talentuoso calabrese guida la classifica a punteggio pieno, seguito da Gioele Palanca (KTM Fiamme Oro) e dal velocissimo Francesco Bassi (KTM) che con la caduta in partenza di gara #2 ha influenzato parzialmente il risultato finale. Per cui fari puntati anche sulla sua prossima prestazione.

Nella 85 Junior a causa di una caduta riportata nelle prove libere di sabato mattina a Castellarano, con conseguente infortunio diagnosticato solo con una successiva visita, sarà assente uno dei protagonisti del Round 1: Kevin Cristino (KTM), uscito da Castellarano con lo stesso punteggio del vincitore di giornata. Un augurio da parte di tutti per la sua pronta e completa guarigione, con l’auspicio di vederlo schierato già da Ottobiano.

Tommaso Sarasso (KTM Evo+ XOffroad Junior Team), grande vincitore di Round #1, dovrà però difendersi da tutti, a partire da Andrea Bonacorsi (KTM), che ha dimostrato grande capacità e concretezza nel primo confronto.

Nella 65 Cadetti Andrea Viano (KTM) potrebbe essere il potenziale protagonista del Campionato. Ma è presto per dirlo, soprattutto per la velocità dimostrata dagli avversari, tra cui i “coinquilini” del podio di Reggio Emila, Rocco Bertin (KTM) e il giovanissimo, velocissimo Valerio Lata (KTM), appena passato di categoria.