Fuoristrada

Motoslitte: motori accesi per la prima di Ponte di Legno (BS)

Tutto pronto a Ponte di Legno, località bresciana dell’Alta Valle Camonica che sabato 12 gennaio aprirà la stagione 2008 con la prima prova tricolore affiancata dal Trofeo Italia ed il nuovo Internazionali d’Italia ed altre importanti novità regolamentari.


 


Conto alla rovescia per il Campionato Italiano Motoslitte che aprirà ufficialmente le danze versione 2008, sabato 12 gennaio con la prima delle sei tappe in programma, di cui due si svolgeranno in notturna (questa e quella a Pozza di Fassa, sabato 15 marzo). A fare da nivea cornice sarà il grazioso comune bresciano di Ponte di Legno, un importante stazione climatica e centro turistico montano, estivo e invernale, considerata da tutti la capitale indiscussa dell’Alta Valle Canonica. Situato in un soleggiato pianoro a 1.258 metri d’altitudine che collega attraverso una strada panoramica a tornanti il Tonale, il paese camuno per la prima volta è stato designato dal moto club Sebino capitanato da Costante Bontempi, a patrocinare una prova tricolore. Per l’occasione è stato disegnato un circuito reso particolarmente tecnico dalla presenza di alcune serie whoops disseminate nei 1.000 metri di tracciato che colloca la partenza in zona Cabinovia – Vigili del Fuoco.  Le operazioni preliminari avranno inizio sabato dalle ore 16.00 alle ore 18.00, seguite alle ore 19.00 dalle prove libere, mentre dalle ore 19.30 circa si abbasserà ufficialmente il cancelletto di partenza dando vita allo spettacolo sui potenti monocingoli. Ma prima di accendere definitivamente i motori è bene sapere come sarà articolata l’attesa stagione, indicando i punti essenziali che caratterizzeranno il 2008. La novità più rilevante riguarda la combinazione delle classi che compongono il campionato italiano. A sostituire le “ex” 500 e 800 ci saranno la 600 STOCK (da 440  cc. 2T a 600 cc. 2T di serie) e la OPEN (motoslitte antecedenti al 31/03/07 da 440 2T a 800 2T e fino a 1200 4T e motoslitte posteriori al 31/03/07 libere). Le precedenti classi permangono invece per il Trofeo Italia che abbandona il raggruppamento in classe Unica a classe 500 (da 250 cc. a 500 cc.) e 800 (da 501 cc. a 800 cc. 2T fino a 1200 cc. 4T). Altra novità importante è data sicuramente dall’ eliminazione della facoltà del pilota di iscriversi in entrambe le classi nazionali. Considerata la notevole e costante partecipazione in questi ultimi anni di atleti stranieri sui nostri tracciati si è considerato di dare loro maggiore importanza costituendo il campionato Internazionali d’Italia, una speciale classifica che assegnerà il titolo di campione internazionale d’Italia estrapolando i punti dalle rispettive classi nazionali (600 Stock-Open). Infine l’ultima modifica rivede le manche di gara, confermate a 3 ma incrementate a 15 minuti + 2 giri per il campionato italiano, mentre diminuiscono a 2 della durata di 10 minuti + 2 giri per il Trofeo Italia


Tra i protagonisti hanno dato già l’adesione il mattatore il “Re delle Nevi” Alessandro Ploner più volte campione italiano in entrambe le classi 500 e 800, e che sabato si allineerà come da regolamento in una sola classe, la Open immancabilmente in sella ad una Polaris marchiata con l’inconfondibile numero 34. Torna alle gare anche il fratello del plurititolato di Pozza di Fassa Roland anche lui schierato nella Open. Con loro anche il vincitore camuno del Trofeo Italia 2007 Massimo Tosi, mentre uno tra gli avversari più tenaci di Ploner, Roland Zanet si presenterà nella 600 Stock in compagnia di Peter Gurndin e Mattia Morandi.