Fuoristrada

Mondiale Supermoto – A Latina vincono i fratelli Chareyre

La grande Supermoto è tornata in Italia, sul circuito pontino “Il Sagittario” di Latina dove si è corsa questo weekend la terza prova del mondiale della specialità, valida per l’assegnazione del Grand Prix of Europe 2009. 

 

Il FIM SuperMoto World Championship è giunto con questa gara alla terza prova stagionale dopo l’avvio a Viterbo lo scorso aprile e la replica in Gran Bretagna a fine maggio dove a vincere è stato il nostro Ivan Lazzarini in classe S1 e il francese campione in carica Adrien Chareyre nella S2, con le due classi che hanno corso assieme in un confronto unificato e spettacolare.

Molti gli spettatori che hanno deciso di assistere dagli spalti a questo agguerritissimo torneo iridato ed europeo che ha visto anche dei confronti nazionali interessanti come contorno all’evento clou. Manche conclusive sotto la pioggia per un acquazzone che ha costretto gli organizzatori ad eliminare il tratto fuoristrada.
Nonostante il nuovo format di gara la vittoria ugualmente avvincente, dominano la prova italiana il francese Thomas Chareyre (Husqvarna-Team Azzalin) in classe S1 con due vittorie parziali, e il fratello Thomas Chareyre (Husqvarna-Team Azzalin) in classe S2 in ragione di un secondo e un primo posto. Bene anche i colori azzurri con Ivan Lazzarini (HM Honda Racing) che ha chiuso in quarta posizione a due lunghezze da Massimo Beltrami (Aprilia-Evolution) e Cristian Ravaglia (Aprilia-Evolution). In classe S2 il campione italiano Davide Gozzini ha chiuso il GP al secondo posto grazie a una bellissima vittoria nella frazione di apertura e di un settimo posto nella ripresa dopo una scivolata quando si trovava in testa.  Il bresciano mantiene la seconda posizione nel mondiale davanti a Delepine (Husqvarna-Cross 2R), Gaspardone (Honda-TDS Faor), Borella (Ktm-Miglio), Mariani (TM-MRC), quest’ultimo quarto assoluto di giornata davanti al pugliese Di Iorio.

Nelle due classi del campionato europeo, Open e S3, hanno dominato questa prova per la Open il marchigiano Teo Monticelli (Honda) grazie a due vittorie parziali che gli hanno permesso di incrementare anche la posizione di capofila in graduatoria di campionato. Piazza d’onore di giornata per il ceko Petr Vorlicek (Suzuki), e terzo assoluto un altro marchigiano, Massimiliano Porfiri (Honda) con due terze posizioni.

In classe S3 si aggiudica la prova pontina il bulgaro Angel Karanyotov (Ktm) grazie a due vittorie parziali che gli consento un balzo in avanti nella sua posizione di capofila in classifica. Seconda e terza piazza rispettivamente per i tedeschi Kevin e Janina Wuerterle (Ktm).

 

CRONACA DELLE GARE

GARA-1 S1: E’ il transalpino Adrien Chareyre (Husqvarna-Azzalin) a prendere il comando della corsa sin dalla prima curva dopo il via della manche inaugurale di questo GP d’Europa. A seguirlo sono il finlandese Mauno Hermunen (Husqvarna-Azzalin), il pesarese campione italiano Ivan Lazzarini (HM Honda Racing), Christian Ravaglia (Aprilia-Evolution), Giovanni Bussei (Honda-SDB Unionbike), Thierry Van Den Bosch (TM-Motorsport), Massimo Beltrami (Aprilia-Evolution), Eddy Seel (Suzuki-Rigo Racing). Chareyre guida pulito e veloce e guadagna subito un buon margine sugli inseguitori sino a vincere dopo quindici giri al comando davanti al progressivo Van Den Bosch che chiude secondo proprio all’ultimo giro, quindi il finlandese Mauno Hermunen, che accusa nelle fasi finali un problema al cambio, Lazzarini, Ravaglia, Seel e il giapponese Matsumoto chiudono le prime otto posizioni.

GARA-2 S1: Gara all’insegna di un gran temporale improvviso quanto intenso con la pioggia che ha obbligato gli organizzatori ad eliminare il tratto fuoristrada. Parte davanti a tutti controllando abilmente la sua Husqvarna il finlandese Mauno Hermunen, davanti al compagno Thomas Chareyre (Husqvarna), quindi il francese Thierry Van Den Bosch (TM-Motorsport), il belga Eddy Seel (Suzuki-Rigo Moto), il marchigiano Ivan Lazzarini (HM Honda Racing). Solo un giro e Thomas è passato al comando della corsa ma a tre giri dalla fine anche “VDB” passa il finlandese e chiude secondo dietro al vincitore solitario Thomas Chareyre. Seel termina la sua corsa al quarto posto davanti a Lazzarini, Beltrami.

 

GARA-1 S2: 1. Il campione italiano Davide Gozzini (TM-Motorsport) è senza dubbio il favorito in casa e non smentisce il pronostico al via della prima manche quando va subito in testa precedendo Edgardo Borella (Ktm-Miglio), l’iridato Adrien Chareyre (Husqvarna-Azzalin), quindi Fabrizio Bartolini (Husqvarna-Pergetti), Lorenzo Mariani (TM-MRC), Gerald Delepine (Husqvarna-Cross 2R), Paolo Gaspardone (Honda-TDS Faor), Alex Tognaccini (Aprilia-V2), Giuseppe Di Iorio (Aprilia-PMR-H2O), Luca De Angelis (TM).

GARA-2 S2: Sotto una pioggia fittissima parte la seconda e conclusiva manche della classe S2. Davide Gozzini (TM-Motorsport) non sbaglia e precede tutti cercando di contenere da subito il francese campione in carica Adrien Chareyre (Husqvarna-Azzalin), mentre dietro alla fine del primo giro transitano Lorenzo Mariani (TM-MRC), il bulgaro Ales Hlad (Aprilia), Giuseppe Di Iorio (Aprilia-PMR H2O), Luca De Angelis (TM-BRT), Alessandro Tognaccini (Aprilia-V2). A metà gara iniziano i primi scambi con Chareyre che passa al comando della corsa dopo che il capofila Gozzini scivola con la moto sul terreno bagnato e riparte sesto. Mariani passa secondo e due giri più tardi viene superato da un sorprendente Giuseppe Di Iorio che termina così secondo alle spalle del vincitore Adrien Chareyre, quindi Delepine, Mariani, Gaspardone, Iddon, Gozzini, Bartolini, Tognaccini, De Angelis, Borella. Capoclassifica ancora il francese Chareyre davanti a Gozzini, Delepine, Gaspardone, Borella, Mariani.

 

CLASSIFICHE

GARA-1 S1: 1. Thomas Chareyre (Husqvarna-FRA) 16 giri in 19’52.452; 2. Thierry Van Den Bosch (TM-FRA) giro + veloce in 1’13.454; 3. Mauno Hermunen (Husqvarna-FIN).

GARA-2 S1: 1. Thomas Chareyre (Husqvarna-FRA) 16 giri in 18’24.484 e giro + veloce in 1’07.805; 2. Thierry Van Den Bosch (TM-FRA); 3. Mauno Ermunen (Husqvarna-FIN).

ASSOLUTA S1: 1. Thomas Chareyre 50; 2. Thierry Van Den Bosch 44; 3. Mauno Ermunen 40.

GRADUATORIA DI CAMPIONATO: 1. Thierry Van Den Bosch 138; 2. Mauno Hermunen 123; 3. Ivan Lazzarini 106.

GARA-1 S2: 1. Davide Gozzini (TM-ITA) 16 giri in 19’57.761; 2. Adrien Chareyre (Husqvarna-FRA) giro + veloce in 1’13.870; 3. Lorenzo Mariani (TM-ITA).

GARA-2 S2: 1. Adrien Chareyre (Husqvarna-FRA) 16 giri in 18’39.790 e giro + veloce in 1’07.904; 2. Giuseppe Di Iorio (Aprilia), Gerald Delepine (Husqvarna-BEL).

ASSOLUTA S2: 1. Adrien Chareyre 47; 2. Davide Gozzini 39; 3. Gerald Delepine 38.

GRADUATORIA DI CAMPIONATO S2: 1. Adrien Chareyre 147; 2. Davide Gozzini 125; 3. Gerald Delepine 108.

OPEN GARA-1: 1. Teo Monticelli (Honda-ITA) 15 giri in 19’01.342; 2. Petr Vorlicek (Suzuki-CZE); 3. Massimilino Porfiri (Honda-ITA).

OPEN GARA-2: 1. Teo Monticelli (Honda-ITA) 15 giri in 19’01.022; 2. Petr Vorlicek (Suzuki-CZE); 3. Massimilino Porfiri (Honda-ITA).

ASSOLUTA OPEN: 1. Teo Monticelli 50; 2. Petr Vorlicek 44; 3. Massimilino Porfiri 40.

GRADUATORIA DI CAMPIONATO OPEN: 1. Teo Monticelli 133; 2. Massimilino Porfiri 111; 3. Alberto Dall’Era 101.

S3 GARA-1: 1. Angel Karanyotov (Ktm-BUL) 15 giri in 20’23.443; 2. Kevin Werterle (Ktm-GER); 3. Janina Werterle (Ktm-GER).

S3 GARA-2: 1. Angel Karanyotov (Ktm-BUL) 15 giri in 20’22. 423; 2. Kevin Werterle (Ktm-GER); 3. Janina Werterle (Ktm-GER).

ASSOLUTA: 1. Angel Karanyotov 50; 2. Kevin Werterle 44; 3. Janina Werterle 40.

GRADUATORIA DI CAMPIONATO S3: 1. Angel Karanyotov 136; 2. Kevin Werterle 133; 3. Janina Werterle 104.