Fuoristrada

MiniEnduro: per la seconda prova i cuccioli sbarcano in Sicilia

Motori accesi anche per i novellini dell’enduro che si sfideranno nell’Italia insulare. Ad attenderli domenica 29 aprile il comune di Piana degli Albanesi (PA).


 


Dopo l’avvio stagionale del 01 aprile nelle Prealpi trevigiane il circus del minienduro trasloca nel sud Italia, nelle calde ed cordiali terre sicule. Ad accogliere i giovanissimi spetterà domenica 29 aprile alla scenografica Piana degli Albanesi, cittadina palermitana caratterizzata dall’omonimo lago e patria dell’irresistibile “cannolo siciliano” già saggiata lo scorso luglio in occasione della prima lezione 2° livello S.A.E.. Un appuntamento emozionante e memorabile tanto da lasciare il segno sia tra gli organizzatori che appagati hanno nuovamente ambito alla presenza del settore minienduro, sia tra gli organi federali che alla richiesta avanzata dal moto club non hanno esitato ad assegnare la gara. Merito del dinamico moto club Monreale che manifesta costantemente interesse per i giovanissimi piloti curando minuziosamente ogni particolare anche nel pianificare questa seconda prova di campionato italiano minienduro, cercando di far apprezzare quanto la Sicilia può offrire ai suoi visitatori. A cominciare da vantaggiose convenzioni concordate con “Città del Mare” uno dei villaggi turistici siciliani piu belli e con la compagnia marittima SNAV che collega il porto di Civitavecchia e Napoli con il porto di Palermo. Sabato sera inoltre presso “La Locanda del Motociclista” all’interno del podere del dott. Franco Cuccia appassionato motociclista che ha subito consentito lo svolgimento della gara tra le proprie terre, è prevista una cena a base di prodotti eno-gastronomici tipici ornata da musica e spettacoli folcloristici.


 


Con dei pronostici contestuali così allettanti anche in ambito agonistico la giornata “made Sicily” si prospetta davvero piacevole. I 60 mini piloti iscritti si affronteranno su due prove speciali, un cross-test (2.500 m.) che effettueranno subito dopo la partenza, contraddistinto dall’alternanza di tratti veloci a tratti più guidati, adagiato su prato con leggere contropendenze che verrà ripetuto sei volte. Seguirà l’enduro test (2.500 m) una prova in piano snodata tra tortuosi sentieri di sottobosco scrupolosamente ripuliti dagli uomini del moto club Monreale da percorrere per cinque volte.


Si comincia già da sabato 28 con le verifiche anticipate da regolamento al sabato dalle ore 16.00 alle ore 18.00, per poi proseguire come di conseuto l’indomani dalle ore 07.00 alle 08.30. Si ricorda che il parco chiuso è previsto solamente nella giornata di gara. Tutte le moto (anche quelle verificate il sabato) dovranno quindi trovarsi nel parco chiuso entro la chiusura delle operazioni.


 


Gli attuali leader di campionato sono rappresentati naturalmente dai vincitori di giornata della gara d’avvio di Cison di Valmarino (TV). I nomi da tenere d’occhio sono il pugliese Jacopo Andrea Schito (Ktm) per gli Esordienti (’00-’96) e l’orobico Nicolas Pellegrinelli (HM) nell’Aspiranti (’95-’93).


Non assegnano titolo ma regalano in egual misura spettacolo ed emozioni la categoria Open e la 50 Cadetti vinte in terra trevigiana rispettivamente dal pilota di casa Federico Oliana (Ktm) ed il bresciano Paolo Ghidini (Beta).