Fuoristrada

Minienduro: Macoritto, Pozzi e Soreca vincenti sul fango di Azeglio

Nella fangosa cornice torinese domenica 26 si è corsa la prima di tricolore. Ad Azeglio trionfano Macoritto (Esordienti) Pozzi (BabySprint) e Soreca (Aspiranti). Vittoria di giornata anche Marchesi nella Open, mattatore assoluto.

Esordio bagnato per il campionato italiano minienduro. Domenica 26 aprile si è corsa infatti la prima delle sei tappe, in un terreno di gara non proprio tra i più semplici, visto la pioggia scesa abbondantemente per tutto il fine settimana costringendo giuria ed organizzatori ad intervenire con repentine modifiche sull’andamento di gara senza snaturare però l’ottimo lavoro svolto dal moto club Azeglio. Nonostante lo zampino del maltempo il sodalizio torinese capeggiato dai coniugi Giacchero (Giampietro in veste di direttore di gara e Cristiana alla segreteri) ha offerto al “mondo dei piccoli” l’ennesima dimostrazione di una regia impeccabile e coordinata impreziosita da un percorso creato su misura per gli under 14. Un successo che va ad accrescere quanto già elogiato nel 2005 e 2006. Applausi anche per Cristian Rossi quest’anno insignito della carica di Responsabile di Percorso. Un battesimo di fuoco, o forse meglio precisare d’acqua, per il tecnico piacentino, che in un contesto non certo facile, ha saputo prendere le giuste decisioni, dando modo ai più abili di esprimere le loro potenzialità ed ai meno navigati la gratificazione di aver portato a termina una gara difficoltosa in condizioni climatiche penalizzanti.

Ridotti i giri da sei a quattro, mentre la Babysprint è stata la classe più castigata dalle condizioni pesanti del terreno. Bloccati al termine del terzo giro, i più giovani in campo hanno riscontrato difficoltà specialmente nel cross-test risultato il tratto più impegnativo perché adagiato su un campo arato in prossimità del paddock, risultato quindi troppo morbido per le moto in miniatura e le loro piccole ruote percorrendolo solo al primo giro. Stessa decisione avvallata da Rossi nel secondo giro per gli Esordienti e nel terzo per le rimanenti Aspiranti e Open. Da dieci e lode invece la enduro-test, divertente, estremamente variegata con tratti tecnici e guidati a veloci, terreni alternati a terra e sassi e soprattutto transitabile fino all’ultimo metro.
 
Unica “nuvola” ad abbuiare la scenografia azegliese lo stesura delle classifiche finali, per un problema tecnico l’attesa si è trasformata in un momento interminabili durato assurdamente più della gara stessa terminata alle 13.00. Errori assolutamente non imputabili al moto club ma che sicuramente mortificano gli sforzi fatti da organizzatori, piloti, federali e genitori nel portare a termine nel migliore dei modi la gara.
 
Alla premiazione non riuscita prima delle ore 18.00, sui volti dei bambini sono spuntati comunque i sorrisi grazie ai riconoscimenti consegnati ai tutti i partecipanti con un premio speciale per il portacolori di Collina Jonathan Marchesi (KTM) mattatore della classe Open ma soprattutto rivelatosi il più veloce dopo un avvincente duello risolto sul filo di lana (meno di un secondo) con Davide Soreca (HM) risultato vittorioso nella Aspiranti. A distinguersi anche Lorenzo Macoritto (KTM) tra gli Esordienti e Lemuel Pozzi (KTM) tra i Bay.
 
ASPIRANTI(’97-’96-’95): netto il dominio di Davide Soreca (HM) che lascia tutti a bocca aperta anche lo stesso Alessandro Comotti che ha fortemente voluto tra i colori del Treviglio il promettente 14enne di Bordighera, in grado di staccare il primo tempo di classe in 5 delle 6 prove cronometrate lasciando a bocca asciutta Giacomo Cominardi (KTM) che strappa l’argento ad Andrea Rocchi (HM)
ESORDIENTI(’99-’98): pronostici rispettati. Il vincitore della Babysprint ‘08 non ha deluso in questo esordio di classe. E’ infatti il friulano Lorenzo Macoritto (KTM) a primeggiare con un gap superiore al minuto e mezzo su Alessio Croci (KTM) ed l’avversario di sempre Simone Peverata (KTM).
BABY SPRINT (anni ‘01-’00): tutti encomiabili, per i loro mezzi quasi impercettibili nelle profonde caregge e per la loro giovanissima età, un plauso speciale lo meritano i quattro che hanno saputo portare la loro moto al parco chiuso in particolare Lemuel Pozzi, il giovanissimo del Val Luretta in grado di primeggiare distintamente su Paolo Lugana (KTM) e Nicolò Rumi (KTM).
OPEN (anni dal ’98 al ’95- cilindrata fino a 85 2t – fino a 150 4t) nella classe più affollata, ben 33 i partenti, è Jonathan Marchesi ad approdare in vetta alla classifica oltre a staccare un’ipotetica vittoria assoluta. Dietro di lui per meno di tre secondi un ritrovato Michele Marchelli (KTM). Più staccato invece Luca Castellana (Honda) che va a chiudere il podio.
 
Nella classifica riservata alle squadre, ancora un debutto vincente per la squadra che da quattro anni consecutivi detiene il titolo tricolore, il moto club Treviglio che va a precedere il Gardone Val Trompia e l’Hornets.
 

var addthis_pub=”federmoto”;