Fuoristrada

Minienduro. I primi Campioni Italiani

Titoli assegnati a Castellarano

A Castellarano, in provincia di Reggio Emilia, sono stati assegnati i primi titoli del Campionato Italiano MiniEnduro Maxxis targati duemilaquindici. L’ultimo atto nazionale si è svolto presso l’Agriturismo San Valentino, che ha fatto da cornice a un fine settimana caratterizzato dal grande caldo. Le alte temperature hanno infatti condizionato le due giornate di gara costringendo la direzione gara a posticipare la partenza della prova del sabato alle ore 15.00 ed anticipare quella della domenica alle ore 8.00 per arginare le ore più calde.

Il weekend si è aperto sabato mattina con le consuete operazioni preliminari che hanno visto transitare 70 atleti; prima dello start ufficiale tutto lo staff del Campionato Italiano MiniEnduro si è unito per un toccante e sentito ricordo a Davide Zanuto, con il lancio di palloncini al cielo accompagnato da un lungo ed emozionante applauso.

Le gara sono state entrambe impegnative; due le prove speciali tracciate sui dolci pendii collinari che hanno ospitato la kermesse sportiva. Alla regia un brillante Motoclub Crostolo, che ha confermato l’ottima tradizione enduristica che lo contraddistingue.

A festeggiare il tricolore duemilaquindici sono stati Simone Cagnoni, che ha festeggiato il titolo della Baby già nella giornata di sabato, Lorenzo Corti, vincitore nella Aspiranti 85, Manolo Morettini, campione italiano della Aspiranti 50 e Gabriele Pasinetti, tricolore della categoria Esordienti. Tra le squadre, a fregiarsi del titolo di campione italiano 2015 è il Motoclub Bergamo.

In palio anche il Trofeo Angelo Iotti, in memoria del compianto presidente del club reggiano, andato a Lorenzo Corti come miglior pilota assoluto nelle due giornate di gara.