Moto d'Epoca

Meeting d’Epoca. Le gare di Varano

Un tempo meraviglioso, un’organizzazione ottima ed un impianto in perfette condizioni hanno fatto da corollario al secondo dei Meeting in Pista 2016, ospitato dall’Autodromo “R. Paletti” di Varano de’ Melegari per l’organizzazione del Moto Club Varano. Malgrado la presenza di 344 piloti verificati infatti (non è semplicissimo gestire tali numeri), altro record di presenze, gli orari della manifestazione sono stati rispettati al minuto e crediamo di interpretare il sentimento di tutti i partecipanti nel ringraziare gli addetti e gli Ufficiali di Gara per la loro efficienza e disponibilità.

Ma oltre alla puntualità a Varano c’è stata anche tanta sostanza: gare come sempre appassionanti ed il pienone nel Gruppo 3, che ha registrato la presenza di 42 appassionati in pista, il massimo consentito per il circuito. La giornata di domenica ha accolto il circus delle moto d’epoca con un cielo cristallino, un sole meraviglioso ed una temperatura assolutamente gradevole, premesse fondamentali per un’intensa giornata che è stata aperta dalla gara del Gruppo 4B che ha visto una ottima crescita di partecipanti per la Classe Vintage 500, più che raddoppiati rispetto a Vallelunga, tra i quali il più regolare alla fine dei 10 giri è risultato Maurizio Cortopassi, seguito da Alessio Ascari, che ha confermato la seconda piazza del primo Meeting, e Giorgio Tediolini. La Vintage 750 non ha invece fatto registrare un incremento numerico e se sul secondo gradino del podio si è confermato Leandro Lombardini, Alberto Miselli e Jody Caporali si sono scambiati il piazzamento rispetto a Vallelunga, con Miselli al primo posto e Caporali al terzo. Molto buona la partecipazione alla Vintage Guzzi, con Renzo Pratesi, Luigi Asnaghi e Claudio Ancellotti che si sono piazzati nell’ordine ai primi tre posti. Subito a seguire si sono dati battaglia i piloti del Gruppo 5T, con le classi TT 500, TT 750 e TT Open. Nella TT 500 Duilio Damiani ha bissato il successo di Vallelunga, seguito da Luigi Bursi, che rispetto al primo Meeting ha scalato un gradino del podio, e quindi da Diego Lucio Pilia a chiudere il terzetto vincente, con Gabellini purtroppo costretto ad abbandonare poco oltre metà gara.

Nella TT 750 al terzo posto si è classificato Fabrizio Frulla, mentre argento ed oro sono andati rispettivamente a Fiorenzo Marconi e Giovanni Biffaroni, entrambi già premiati a Vallelunga.

Nella TT Open confermati nell’ordine al secondo e terzo posto Ermanno Bastianini ed Alessio Anello, scalzati di una posizione da Sandro Caprara che si è aggiudicato il primo posto di classe ed assoluto.

Il Gruppo 4A ha visto sdoppiare le partenze, con la Vintage Mini che dopo parecchio tempo ha potuto contare su una griglia di partenza separata; la gara è stata interrotta con bandiera rossa per una caduta, fortunatamente senza serie conseguenze, per essere poi continuata e vedere al traguardo nell’ordine Patrizio Bordi, Francesco Bianchi ed Osvaldo Tarabella, con il secondo per la prima volta sul podio in questo Campionato. La seconda griglia del Gruppo 4° ha visto la partenza delle classi Vintage 250, vinta da Enrico Guerra  (secondo a Vallelunga) seguito da Vittorio Pasquinucci e Paolo Marchetti, mentre la 125 SP ha confermato Lamberto Pedini sul gradino più alto del podio, con Fabrizio Latini e Piercarlo Goi a seguire nell’ordine.

Tutti nomi nuovi sul podio dell’Italian Cup, a testimonianza di una classe combattuta, con Roberto Fasola, Oliviero Alberto Danelli e Francesco De Franco ai primi tre posti.

Dopo il primo blocco di premiazioni ed il primo turno del Gruppo 3 in pista sono scesi i 31 partenti della classe Vintage Open (circa il doppio di Vallelunga): anche qui i primi tre sono new entries, con Fabio Petri, Alberto Danelli e Lamberto Geneth rispettivamente primo, secondo e terzo.

Alle 12,40 in punto ha preso il via la gara della classe BotT, che ha sancito il successo, nell’ordine, di D’Amico, Tinti e Cafolla nella BotT Oltre, di Pigliacelli, Sala e Cicchinelli nella BotT1 e di Costanzo, Barilati e Gualandi nella BotT 2; la BotT 3 infine ha visto la vittoria di Bentivoglio, seguito da Greggi e Siracusa.

Dopo di loro a far sentire la propria voce sono stati i motori della SBK ’92 e della SS 600, con la gara che ha vissuto sull’appassionante duello tra Ulisse Campagna e Giuseppe Lenoci, terminato con i due piloti nell’ordine ai primi due posti della SBK ’92, davanti a Tommaso Totti ed Alberto La Face, piazzatosi 4° solo virtualmente, visto che Totti che non prende punti per il Campionato  per “ragioni di età”.

La SS 600 è stata vinta da Fabio Barilli, davanti a Sauro Valentini e Carlo Perego, ma in realtà il riscontro Paddock Varanocronometrico avrebbe premiato la Wild Card Michele Longo, che però, come noto, partecipa fuori classifica.

Subito dopo la pausa pranzo (e per inciso anche dopo la gara della MotoGP al Mugello) ed il secondo appuntamento con il Gruppo 3, è stata la volta della Japan 2T, vinta da Walter Bertoli davanti a Davide Bellingeri, che ha ripetuto il piazzamento di Vallelunga, e Lamberto Pedini.

Immediatamente dopo ha preso il via la Old Open Cup, classe che sta consolidandosi sempre più nel gradimento dei
piloti, con Giuseppe Vocaturi, Matteo Bardelli e Marzio Durando a comporre nell’ordine il podio della Classe Air, Antonio Mariani, Gianluca Battisti e Giorgio Cantalupo ai primi tre posti della Over 800 e Fabio Reale, Davide Rossi a Mauro J. Poloni al vertice della Under 800.

Nell’ultima partenza di Gruppo 5, riservata al Gruppo 5R, si sono imposti Claudio Ferri, Pietro Francesco Marchiti e Fiorino Cimatti nella classe Classiche GP 500, Alberto Peruzzi, Matteo Bisacchi e Davis Selmi nella GP 250 e Paolo Franchi, Ernesto Bergami e Dario Delfini nella TT Japan, con 3 piloti costretti al ritiro nei primi giri ed uno non partito.

L’ultima gara in programma prevedeva la partenza della Gentleman’s Cup: alle ore 16,45 in punto, come da programma, sono partiti i 23 piloti di questa classe, nella quale hanno registrato il minor numero di penalità nell’ordine Aldo Simonetti, Giuseppe Altieri e Nicola Maccaferro.

A chiudere definitivamente la giornata è stato invece il terzo turno di Gruppo 3.

Chi fosse interessato ad avere foto della manifestazione può rivolgersi alla AbmLab Servizi Fotografici (serviziofotografico@abmlab.com), fotografo accreditato dei Meeting d’Epoca in Pista. Appuntamento a brevissimo con gli orari di Adria e, chissà, con notizie su Imola 2017!

Clicca qui per scaricare le classifiche