Moto Club

MC Terni L. Liberati/P. Pileri – Il Motogiro d’Italia arriva a L’Aquila

Il 23 maggio, con la conclusione della terza tappa Roccaraso–L’Aquila–Roccaraso giunge al giro di boa la ventunesima Rievocazione Storica del Motogiro d’Italia, organizzato dal Moto Club L. Liberati/P. Pileri di Terni, partito lunedì 20.
Una tappa difficile per gli uomini, ma ancor più per le moto (tutte costruite fra il 1950 e il 1960) già affaticate da circa 800 chilometri e impegnate su un percorso che si è snodato quasi interamente all’interno della provincia de L’Aquila; superati ben cinque passi appenninici tutti oltre quota 1400. Nonostante questo quasi tutti i 130 partecipanti sono riusciti a concludere l’impegnativa frazione con i propri mezzi. La manifestazione si fa avvincente anche sul piano prettamente sportivo, con un testa a testa fra l’olandese Enric Willesme in sella una Guzzi Lodola 175 del 1957 e il vincitore della passata edizione lo spoletino Marco Tomassini su Gilera Sport 175 del 1956. I due si stanno giocando la gara ad ogni prova speciale sul filo dei decimi di secondo. Leggermente più indietro padovano Marco Vettore su Morini 175 Tre Sette Sprint del 1957.
Toccante l’arrivo in piazza Duomo a L’Aquila, dove era stato montato anche il Villaggio Ducati con l’esposizione delle moto da competizione che tanto lustro hanno dato alla casa bolognese in particolare la Desmosedici portata in gara da Loris Capirossi e la 1098 R con la quale Troy Bayliss vinse il suo terzo titolo iridato nel 2008. Molti partecipanti, soprattutto stranieri, hanno fatto ritorno nel capoluogo abruzzese dopo che vi erano stati alcuni anni fa, sempre con il Motogiro e vedere la città così martoriata, è stato un vero e proprio tuffo al cuore che ha diffuso un senso di tristezza in una carovana normalmente allegra e spensierata.
Domani dopo tre giorni, il Motogiro lascerà Roccaraso e si dirigerà verso Montesilvano Marina (TE), dove la frazione si concluderà dopo 250 chilometri e aver attraversato le cittadine di Fara San Martino, Palombaro (dove è previsto un primo controllo orario), quindi proseguirà per Rapino, Manoppello, Alanno, Cugnoli, Catignano, Cepagatti e Pianella, per giungere alle ore 13 circa presso Loreto Irpino, dove è prevista la seconda prova speciale e quindi un ristoro. Alle ore 13.30 partenza per Penne e poi via in direzione Castiglione Messer Raimondo, Cermignano Cellino Attanasio, Atri, Silvi Marina e Montesilvano, dove l’arrivo dei primi motociclisti è previsto per le ore 15.30 sul lungomare Stadio del Mare.
A Silvi Marina (TE), la carovana osserverà una giornata di sosta necessaria a far riposare uomini e mezzi prima del balzo finale che riporterà tutti a Terni sabato 26 maggio.
Per ulteriori informazioni: www.motoclub-terni.itwww.motogiroitalia.it.