Fuoristrada

Lorenzo Gandola vince la FIM Trial 125 Cup!

Il Trial giovanile internazionale parla italiano: Lorenzo Gandola ha conquistato oggi a Bradford, in Gran Bretagna, la FIM Trial 125 Cup. Un successo meritato, ottenuto grazie a quattro vittorie e due secondi posti stagionali. Doppia soddisfazione per il pilota del Team Italia di specialità: il lombardo infatti non solo si è definitivamente confermato in vetta alla classifica, ma ha anche vinto in casa del primo inseguitore in campionato, Billy Green.

Classe 2000, in sella alla sua Scorpa Lorenzo ha chiuso la gara odierna con 16 penalità, una in meno di Green. Partito per primo, quindi senza punti di riferimento sulle Zone di gara, Gandola ha terminato il primo giro con 10 penalità, due in più del rivale. Nel secondo però si è ampiamente riscattato totalizzando solo 6 punti contro i 9 del britannico, secondo di giornata e di campionato. L’azzurro ha così concluso la FIM Trial 125 Cup 2017 con 114 lunghezze, davanti alle 103 di Green. Nono di giornata, il giovanissimo Carlo Alberto Rabino, non distante dai piloti che lo hanno preceduto.

Fabio Lenzi, Direttore Tecnico Trial FMI: “Complimenti a Lorenzo! Ha ampiamente meritato questa vittoria perché nell’arco dell’anno ha dimostrato costanza e impegno. Si è distinto in ogni situazione, anche in occasioni difficili come poteva essere quella di oggi vista la sua partenza davanti a tutti. E’ un ragazzo molto umile e se manterrà questa caratteristica, crescerà ancora. Buon campionato anche per Carlo Alberto Rabino, sempre pronto a dare il massimo”.

Fabrizio Moretto, Tecnico FMI: “Siamo davvero felici per Gandola. A Bradford ha affrontato per primo tutte le Zone ma nonostante ciò ha commesso solo qualche sbavatura. Ha affrontato una gara complicata con il giusto atteggiamento. Bene Rabino, altro pilota del Team Italia Trial che continua a fare esperienza”.

Lorenzo Gandola: “Per me è una grande gioia portare a casa la FIM Trial 125 Cup. E’ stata una stagione intensa durante la quale, grazie alle persone che mi circondano, al team, alla FMI, non ho mai sentito particolare pressione. Ho sempre avuto un buon feeling con la moto e ora posso godermi questa vittoria. Molto presto però tornerò a concentrarmi sulle competizioni che mi aspettano nei prossimi giorni”.