Fuoristrada

L’Italiano Trial Outdoor torna in Lombardia

Dopo due anni di assenza, il Campionato Italiano Trial torna in Lombardia con la gara assegnata al Moto Club Dynamic Trial che ha scelto come località la montagna e, in particolare, la località di Temù, in provincia di Brescia. Come nelle ultime due tappe di Tolmezzo e Abetone, anche a Temù ci saranno i giovani della categoria Juniores che affronteranno come sempre un percorso differente rispetto alle classi maggiori.

Le prove saranno prevalentemente su fondo sassoso, ma non si esclude qualche variante nel sottobosco. Anche a Temù ci si concentrerà per fermare la corsa del campione italiano Matteo Grattarola (GasGas), che sembra infatti più che mai intenzionato a non mollare: la sua lunghissima striscia vincente nel Campionato Italiano Trial categoria TR1 va avanti ininterrottamente dal 2014. Tra questi, a tentare l’impossibile ci saranno Gian Luca Tournour, compagno di marca del “Gratta” in casa Gas Gas, e Luca Petrella, che in questa stagione ha fatto l’abbonamento al secondo gradino del podio con la sua Trs. Ma attenzione nella classifica Internazionale allo spagnolo Francesc Moret (Montesa), il solo straniero assiduamente presente al Campionato Italiano e che guida l’unica quattro tempi nella categoria dei big.Gli altri piloti andranno a spartirsi le posizioni a ridosso del podio.

Nella TR2 ci si chiede se la vittoria di Andrea Riva sia stata solo una parentesi o se il trialista di Albino abbia messo in atto il suo cambiamento. Comunque sia, dovrà confrontarsi con Stefano Garnero, pronto a riprendere il punteggio pieno. L’aria di casa potrebbe far fare il salto di qualità a Sergio Piardi, che ormai sembra essere maturo per la vittoria.

Nella categoria TR3, dopo due successi consecutivi, Francesco Marchetti sembra aver messo la freccia per il sorpasso ai danni del capoclassifica Mirko Spreafico, forse in un momento critico; il bergamasco del Gruppo Sportivo Fiamme Oro Giovani è comunque sempre al comando in campionato, con due lunghezze di vantaggio proprio sul pilota del Vecchio Faggio. Osservati speciali per la corsa alla vittoria Jacopo Bono (Gas Gas), Michele Andreoli (Montesa) e Michele Ruga (Scorpa).