Fuoristrada

L’Italia del Cross regina di tutti i Mondiali

Non era mai successo prima ma ora, già si punta a mantenere il primato, almeno fino al Gp d’Italia di Mantova (18 maggio). L’Italia del cross, può infatti vantare, da due settimane, una supremazia sognata da mote Nazioni: tutte le maggiori classi del Motocros Mondiale MX1, MX2 ed MX3, parlano italiano.


 


David Philippaerts in MX1, Antonio Cairoli in MX2 e Cristian Beggi in MX3 sono ai vertici delle classifiche iridate e stanno facendo sognare tutti gli appassionati di cross. Se Cairoli è un habituè del gradino più alto del podio (è il campione mondiale in carica MX2), Philippaerts e Beggi stanno dimostrando tutto il loro indiscusso valore.


L’obiettivo di Cairoli e Philippaerts è quello di presentarsi a Mantova, tra due settimane, in testa alle due classifiche (MX1 ed MX2) e magari festeggiare la permanenza al vertice della classifica davanti ai tifosi di casa. Prima però c’è l’ostacolo Bulgaria (Sevlievo) questo weekend.


Per Beggi, in testa già da due prove (S.Severino e Plomion) un po’ di meritato riposo in vista della quinta prova dell’MX3 in Portogallo a Cortelha.


 


La conferma di Cairoli – Per il siciliano Antonio Cairoli, la leadership in MX2 è una sensazione già molto nota. L’atleta ventiduenne in sella al Team Red Bull De Carli, campione in carica, sta ripetendo le brillanti performance delle precedenti stagioni e, tappa dopo tappa, sta sgretolando inesorabilmente le resistenze dei suoi rivali. Al momento, tra questi gli resiste solo il Sudafricano Tyla Rattray, suo coetaneo, staccato di sole 5 lunghezze.

 


 


La consacrazione di Philippaerts – Già da qualche anno l’atleta (classe ‘83) appartenente al Team Yamaha lasciava intravedere le sue grandi potenzialità. Nello scorso anno il sesto posto in classifica generale, la vittoria in un gran premio e la costanza di rendimento facevano presagire a breve un esplosione. L’inizio di quest’annata sta confermando prepotentemente le premesse e le aspettative che si riponevano su di lui. Il pilota, nativo di Pietrasanta, dopo 3 gran premi disputati guida la classifica generale della MX1 con 102 punti in graduatoria, 6 in più del belga Ramon che segue alle sue spalle e ben 19 di vantaggio sul suo compagno di Team, il neozelandese Josuha Coppins.


 


Il ritorno di Beggi: Per Cristian Beggi, pilota classe ‘78, il gradino più alto della classe MX3 rappresenta il premio di una carriera importante, contraddistinta da tanti buoni risultati anche a livello internazionale. Dopo aver centrato nel 2006 il terzo gradino del podio nella classifica generale, sempre in MX3, l’atleta emiliano ha  tentato il salto nella classe regina, per poi ritrovarsi di nuovo protagonista oggi in una classe al lui sempre più congeniale. Al momento il pilota azzurro in sella alla Honda, dopo tre tappe mondiali guida la graduatoria con 161 punti, 5 in più di quanti ne ha il suo primo inseguitore, il belga Sven Breugelmans.


 


Motocross delle Nazioni – I Tre piloti sono stati i convocati nella Nazionale Maglia Azzurra per il Motocross delle Nazioni 2006 a Matterly Basin (GBR) dove chiusero al quarto posto dietro USA, Belgio e New Zealand, a soli 2pt. dal podio.  Mai come quest’anno la Federazione Motociclistica Italiana può sognare: titoli mondiali individuali ed un trionfo nel Mondiale a Squadre.


Coincidenza vuole che il Motocross delle Nazioni quest’anno avrà luogo di nuovo in Gran Bretagna (Donington Park) il 28 Settembre. E dopo il cocente quarto posto del 2007, il CT Bartolini e l’Italia intera del cross cerca il riscatto. Chissà se saranno loro i convocati, ma di certo ce la stanno mettendo tutta per dimostrare che il Motocross italiano è, mai come oggi, ai vertici mondiali della specialità.