Fuoristrada

LAZIO – Risultati prova CR Enduro a Cantalice

La prova in provincia di Rieti, organizzata dal Moto Club Terremoto, ha cambiato a sorpresa le carte in tavola nelle classifiche. Primo nella assoluta Incaini, che beffa Pasqualetti scivolato nella sesta prova. Bene anche Cianfarani, Zinna, Mastroantonio e Alì.


 


Le gare di enduro sono generalmente lunghe, faticose e piene di insidie. Non può essere da meno un campionato regionale, dove non bisogna dar mai nulla per scontato e dove l’imprevisto può cambiare volto alle classifiche e allora è ….tutto da rifare! Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa è successo a Cantalice, dove domenica scorsa si è svolta la terza prova del campionato regionale Lazio di enduro. La gara, organizzata dal MC Terremoto, si è sviluppata su un giro di quasi 35 km da ripetersi quattro volte, con inserite un enduro test (linea) di circa 5 minuti ed un cross test (fettucciato) di poco più di due minuti. Alla fine dopo sette prove cronometrate, sono stati disputati oltre 23 minuti di prove speciali, e il termine della gara è stato accompagnato da un temporale che ha strapazzato tutta la zona fino quasi al momento delle premiazioni. La tappa, comunque, si è svolta praticamente tutta sotto un tiepido sole. 


Alla vigilia della gara, con la classifica assoluta che vedeva in testa i piloti di casa il bravissimo e giovanissimo Francesco Pasqualetti e l’esperto Giorgio D’Ippolito, si poteva pronosticare un facile dominio per il Team D’Ippolito. E invece così non è stato.


La prova reatina ha sovvertito tutti i pronostici, il fato ci ha messo lo zampino, con D’Ippolito costretto da un ginocchio malconcio a dover condurre una gara “tranquilla” per limitare i danni e conservare la migliore posizione possibile. Non è, quindi, mai entrato in lotta per la vittoria nelle speciali; mentre Pasqualetti – dopo aver dominato la classifica nelle prime cinque prove cronometrate – proprio nella sesta e penultima discriminante, distratto da un pilota scivolato in terra davanti a lui, è caduto a sua volta perdendo secondi preziosi e vanificando così gli sforzi fatti fino a quel momento, ritrovandosi alla fine all’11° posto assoluto.


Ad approfittare di tutto ciò non poteva che esserci lui, il campione uscente, il bravo Damiano Incaini, che proprio fino alla sesta speciale aveva battagliato ad armi pari con Pasqualetti, e che si è ritrovato a sorpresa la strada spianata per la vittoria.


Sempre nella classifica assoluta, dietro Incaini, sono arrivati Cianfarani ed un sorprendente Marcello Zinna, evidentemente a suo agio sui terreni di Cantalice. Nelle singole classi le vittorie sono andate a Cianfarani nella 125 2t; Mastroantonio ha fatto sua la 250 2t; Zinna si è impossessato del podio della 250 4t; Incaini è giunto primo nella 450 4t; e infine una bella sorpresa nella oltre 450 4t, dove Stefano Alì ha dimostrato di aver ancora da dire la sua quando ci sono prove in linea così difficili. Nelle squadre primo posto per il Moto Club Arditi Racing, secondo per il Team Mas.Nal., terza la squadra del Moto Club Colleferro.