Motitalia

Lavori in corso – Marzo 2007

LA FEDERAZIONE E’ UN ORGANISMO “VIVO”, PULSANTE, ATTENTO AL CAMBIAMENTO. SIAMO QUINDI OBBLIGATI AD AGGIORNARE IL NOSTRO COMPORTAMENTO E LE NOSTRE REGOLE. TALVOLTA IN MODO INCISIVO


Riparte in pieno l’attività federale e anche quest’anno ci sono diverse novità “sul piatto”., Ho deciso di parlare più diffusamente di alcuni argomenti nelle pagine che seguono, per cui mi limito in questo spazio ad accennare alcuni temi che mi stanno particolarmente a cuore.


A fine febbraio sono iniziati i Corsi per Dirigenti FMI. Una sorta di “rivoluzione annunciata”: stiamo cercando persone che abbiano voglia di dedicarsi con impegno e professionalità alla vita federale, per il momento nelle sedi regionali. Abbiamo individuato alcuni candidati, con la collaborazione dei Presidenti dei Co.Re. e li abbiamo invitati a frequentare un Corso organizzato in collaborazione con la Scuola dello Sport del Coni. Lo scopo è quello di preparare le nuove leve, quelle che dovranno collaborare con la sede centrale per migliorare il funzionamento, l’efficienza e i risultati della “prossima” Federazione. Un obiettivo sicuramente ambizioso, ma altrettanto sicuramente molto innovativo, che vede ancora una volta la Federazione Motociclistica Italiana dettare la linea, nell’ambito delle associazioni sportive nazionali.


Una Federazione “viva”, grande, attiva come la nostra deve prevedere e accettare i cambiamenti. Anche importanti, anche “in corsa”. La stagione agonistica 2007 è iniziata da poche settimane e si sta correndo con le “nuove” Licenze, come avevo annunciato sul numero di Ottobre. La Circolare Licenze era divenuta troppo complicata. Ora è tutto molto più chiaro e inoltre, grazie alle semplificazioni apportate, il lavoro dei Comitati Regionali è meno oneroso e sicuramente più veloce. Naturalmente, come accade in ogni “rivoluzione”, non tutti sono convinti della decisione assunta dal Consiglio Federale con il pieno gradimento dei Presidenti di Comitato Regionale. Chi vuole, però, può ricordare facilmente un identico sconcerto iniziale, quando si era deciso di passare la gestione delle Licenze dalla sede centrale a quelle regionali. Cambiamento ora perfettamente assorbito e problema totalmente dimenticato. Sono convinto che la decisione presa sia molto valida e mi auguro che negli incontri che avrò con Voi a fine anno (ma in realtà ho incontri sul territorio praticamente ogni settimana…) parleremo in senso positivo anche di questa novità.


Sempre in tema di cambiamenti, è stato approvato il nuovo Regolamento del Gruppo Commissari di Gara, che hanno già ricevuto le relative informazioni. Anche in questo caso, passato lo sconcerto iniziale, sarà facile verificare che la vita del Gruppo ne trarrà un sicuro giovamento. Nessuna penalizzazione, ovviamente, ma solo uno strumento più agile per migliorare l’efficienza e la presenza sul territorio di persone che ogni domenica rappresentano direttamente la nostra Federazione.


Altri cambiamenti ci aspettano nel campo del rumore, che rischia di mettere in difficoltà lo svolgimento stesso delle gare, fuoristrada e in pista. La Federazione sta affrontando il problema con grande impegno e serietà. Nei prossimi mesi vi daremo conto delle decisioni assunte. Potrà essere necessario assumere posizioni “scomode”, ma occorre rendersi conto che alcune volte le decisioni spiacevoli sono indispensabili, per il mantenimento del bene comune.


Paolo Sesti