Fuoristrada

La Lombardia si aggiudica il “Trofeo delle Regioni” di minicross a squadre

Contrariamente a quelle che erano le previsioni del tempo sull’area del Trasimeno, è stata una discreta e soleggiata giornata a salutare a Castiglione del Lago, sul crossodromo internazionale “Vinicio Rosadi”, l’edizione 2007 del Trofeo delle Regioni di minicross, iniziata sabato con la selezione degli oltre 250 concorrenti intervenuti per questo appassionante torneo nazionale nato nel 1982 per il motocross lombardo e poi diventato di interesse minicrossistico nazionale e valido per l’assegnazione del Trofeo Giampaolo Marinoni.


La regia organizzativa che vede coinvolte quasi tutte le regioni d’Italia, è stata curata dall’esperto Motoclub Trasimeno G. Capecchi in collaborazione con la DBO che insieme ne hanno fatto, come sempre, un vero momento di agonismo ma anche di aggregazione.


Dall’ultima edizione sono state apportate piccole ma essenziali modifiche che hanno permesso una maggiore equità mettendo in risalto gare combattutissime sui 1.748 metri di circuito.


Prima della fine dell’incontro incrociato che ha permesso di determinare la formazione vincitrice 2007, si sprecavano i pronostici, ma alla fine, grazie a colpi di fortuna e di sfortuna, a salire sul gradino più alto del podio è stata la squadra della Lombardia “A”, composta da Emanuele Facchetti, Simone Zecchina e Giacomo Redondi, precedendo sia la regione campione uscente, il Veneto A, con Simone Gironi, Nicola Recchia e Davide De Bortoli, e la Toscana A con Nicholas Lapucci, Riccardo Babbini e Giacomo Del Segato.


 


I Cadetti vivono la prima manche sul migliore spunto di Ramon Savioli (Lazio A), seguito da Nicolò Tamagnini (E. Romagna C), Emanuele Facchetti (Lombardia A), Thomas Marini (E. Romagna D), Luca Poggi (Piemonte B), Simone Gironi (Veneto A). Altri, invece, sono rimasti coinvolti in una caduta di gruppo sopra al salto principale che offre le acrobazie aeree alla terrazza del circuito. Mentre in testa la situazione rimane invariata con Savioli che guida per tutti i sette giri sino alla bandiera a scacchi, alle sue spalle le posizioni si invertono già dal terzo passaggio e sino alla fine con Facchetti che supera Tamagnini, mentre alle sue spalle chiudono Gironi, Poggi, Marini, Papa, Fabbri, Lumina e Zamboni nei top ten.


Nella ripresa è ancora Ramon Savioli (Lazio A) a conquistare l’holeshot Goldentyre, precedendo Emanuele Facchetti (Lombardia A), Nicholas Lumina (Lombardia B) e Nicolò Tamagnini (E. Romagna C). Il laziale replica la cavalcata trionfale della prima manche e vince con relativa facilità su Facchetti e Lumina. In realtà quest’ultimo è quarto per quasi tutta la manche ma all’ultimo giro approfitta dello stop di Toccaceli (Emilia Romagna – A) che perde così la possibilità di salire sul terzo gradino del podio.


 


Nella prima finale Junior, Matteo Cavallo (Piemonte B) raddrizza subito la situazione superando lo spunto iniziale di Simone Zecchina (Lombardia A) che affronta il primo salto secondo davanti a Erison Lagaren (Piemonte A), Riccardo Vitaliani (Veneto C). Già al primo passaggio la situazione vede al comando il fresco campione italiano Lagaren che parte per la velocissima volata verso la personale vittoria, realizzata davanti al progressivo Nicola Recchia (Veneto A), Riccardo Babbini (Toscana A), Zecchina, Ivo Monticelli (Marche A), Paganini (Veneto B), Bernardini (Toscana B), Cucini (Toscana C), Furlotti (E. Romagna A), Cavallo (Piemonte B).


 


La seconda finale Junior vede il buon avvio di Zecchina (Lombardia – B) che al primo giro precede Recchia (Veneto – A) e Babbini (Toscana – A); poi Recchia prende il comando delle operazioni seguito come un’ombra da Babbini mentre Zecchina perde progressivamente terreno. Così sul terzo gradino del podio sale Ivo Monticelli (Marche – A) che proprio all’ultimo giro ha la meglio sul corregionale Moroni (Marche B). 


 


La prima manche della Senior ha tre protagonisti assoluti, Giacomo Del Segato (Toscana – A), Dawid Ciucci (Umbria – B) e il lombardo Giacomo Redondi (Lombardia – A) che transitano in quest’ordine alla fine del primo giro e concludono la gara nelle stesse posizioni. In realtà Ciucci e Redondi si sono scambiati due volte le posizioni a causa di un’uscita di pista dell’umbro (dovuta a un’errata scelta di gomme) e ad un problema con i doppiati sofferto dal lombardo proprio all’ultimo giro. Ottima prova di Davide De Bortoli (Veneto – A), il più piccolo con i suoi 13 anni, quarto ed un po’ in difficoltà sulla pista troppo dura.


 


Anche Gara 2 della Senior ha nel toscano Giacomo Del Segato il grande dominatore: impeccabile la sua partenza e altrettanto perfetta la gestione della corsa. Nel secondo giro il lombardo Redondi tenta l’attacco al battistrada e sembra avere successo ma sbaglia traiettoria, cade e retrocede di alcune posizioni. Poi è Ciucci ad insidiare la leadership di Del Segato ma anche il pilota umbro commette un errore e perde secondi preziosi. Così all’arrivo Del Segato precede Ciucci ed un altro toscano, il sorprendente Luca Lippi (Toscana – B). Seguono Facchetti (Lombardia C), Redondi (Lombardia – A) e Mencaroni (Umbria – A).


 


Il trofeo individuale riservato ai Debuttanti è stato vinto dal ligure Thomas Ragadini che, grazie al successo ottenuto nella seconda manche davanti al laziale Alessandro Lentini, riuscito a ribaltare il risultato della prima frazione. Nella manche d’apertura, infatti, si era imposto il padovano Filippo Grigoletto davanti al lombardo Michele Baraiolo ed all’abruzzese Paolo Ricciutelli. La classifica assoluta vede al primo posto Ragadini (KTM) davanti a Baraiolo (Kawasaki) e Grigoletto (KTM). La speciale graduatoria per i monomarca vede invece, nell’ordine, Nico Gigli, Dario Lanfrit e Filippo Fiorini, tutti su KTM.


 


CLASSIFICHE TROFEO DELLE REGIONI 2007 A SQUADRE


1. Lombardia A (Emanuele Facchetti – Simone Zecchina – Giacomo Redondi) punti 16; 2. Veneto A (Simone Gironi – Nicola Recchia – Davide De Bortoli) 23; 3. Toscana A (Nicholas Lapucci – Riccardo Babbini – Giacomo Del Segato) 24; 4. Lazio A (Ramon Savioli – Oscar Brugnoni – Riccardo Calevi) 32; 5. Piemonte A (Corrado Romaniello – Erison Lagaren – Michael Mercandino) 35.